Brunello Cucinelli ricavi netti a +8,8 per cento nei primi nove mesi del 2019

Ricavi netti a 459,2 milioni di euro, +8,8 per cento a cambi correnti (+7,7 per cento a cambi costanti) rispetto ai 422,1 milioni di euro al 30 settembre 2018, per Brunello Cucinelli, nei primi nove mesi dell'anno.

"Siamo ormai quasi alla fine di questo 2019, anno eccellente per la nostra industria, sia sotto il profilo dei numeri, sia sotto quello dell’immagine. Molto, molto bene il sell-out di stagione autunno inverno e l’atmosfera di grande apprezzamento intorno al brand. Dietro a questi risultati, possiamo immaginare una chiusura dell’anno in corso con una bella crescita del fatturato intorno al 9 per cento ed una sana crescita dei profitti”, ha sottolineato Brunello Cucinelli, fondatore, ceo e presidente dell'azienda umbra del cachemire.

“Vista l’evoluzione nel mercato mondiale del ready to wear made in Italy di lusso e l’importantissima raccolta ordini primavera estate 2020, prevediamo che anche il prossimo possa essere un altro bell’anno di crescita del fatturato e dei profitti, in linea con il nostro progetto decennale”, ha aggiunto, in una nota, Cucinelli.

Brunello Cucinelli ricavi netti a +8,8 per cento nei primi nove mesi del 2019

Sul mercato italiano Brunello Cucinelli ha registrato un fatturato pari a 76,1 milioni di euro (16,6 per cento sul totale)

Il mercato italiano ha registrato un fatturato pari a 76,1 milioni di euro (16,6 per cento sul totale), in aumento del +2,2 per cento rispetto a 74,4 milioni di euro al 30 settembre 2018.

Il mercato europeo ha segnato una crescita del +9,6 per cento,, con vendite pari a 139,5 milioni di euro (30,4 per cento sul totale) rispetto a 127,4 milioni di euro al 30 settembre 2018.

"Solide le performance in tutte le aree del mercato europeo, con Londra e Parigi che si confermano, insieme a Milano, tra le più importanti capitali mondiali della moda, punto di riferimento e confronto non solo per i clienti finali, ma per tutti gli operatori del settore", spiega il management nella nota.

Il mercato nordamericano ha segnato un aumento del 9,2 per cento, con un fatturato pari a 148,2 milioni di euro (32,2 per cento sul totale) rispetto a 135,7 milioni di euro al 30 settembre 2018. I continui risultati di crescita sono supportati dalle performance sia nel canale monobrand, sia nel canale multibrand, che indirizza la propria offerta verso un lusso assoluto fatto di capi unici e speciali. I positivi trend sono inoltre sostenuti dalla presenza in località di prestigio e dai rapporti di fiducia e stima instaurati con il cliente, sia esso il cliente finale o il cliente multibrand.

La Cina ha messo a segno una crescita del +14,4 per cento, con vendite pari a 43,5 milioni di euro (9,5 per cento sul totale) rispetto a 38,1 milioni di euro al 30 settembre 2018. Il resto del mondo ha segnato un incremento del +11,3 per cento, con vendite pari a 51,9 milioni di euro (11,3 per cento sul totale) rispetto a 46,6 milioni di euro al 30 settembre 2018. Solide crescite in tutte le aree geografiche di riferimento, grazie all’offerta di collezione che incrocia la domanda sofisticata del cliente internazionale, solito ad acquistare nel mercato domestico così come in occasione di viaggi di piacere o business.

Il canale monomarca retail è risultato in aumento dell'11,2 per cento, con ricavi pari a 229,2 milioni di euro (49,9 per cento sul totale) rispetto a 206,1 milioni al 30 settembre 2018.

Il network al 30 settembre 2019 era pari a 103 boutique, rispetto alle 100 boutique dei primi nove mesi del 2018, con 3 aperture nel corso di quest’anno.

Il canale monomarca wholesale ha segnato una crescita del +3,2 per cento con ricavi che hanno raggiunto i 25,0 milioni (incidenza del 5,4 per cento) rispetto ai 24,2 milioni di euro al 30 settembre 2018. Il canale multimarca wholesale ha segnato un incremento del +6,9 per cento con vendite pari a 205 milioni di euro (44,7 per cento sul totale) rispetto a 191,8 milioni di euro al 30 settembre 2018.

La Brunello Cucinelli è stata fondata nel 1978. La vita dell’azienda si svolge da sempre nel borgo medievale di Solomeo, alle porte di Perugia.

Foto: Brunello Cucinelli website

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO