Canale retail a +35 percento per Moncler nel primo trimestre

Ricavi consolidati a 332 milioni, +20 percento rispetto ai 276,2 milioni nel primo trimestre 2017, nei primi tre mesi del 2018 per Moncler (+28 percento a tassi di cambio costanti).

Venerdì scorso, il consiglio di amministrazione dell'azienda guidata da Remo Ruffini ha esaminato e approvato "l’Interim management statement” relativo al primo trimestre dell’esercizio 2018.

I ricavi della divisione retail si sono attestati a 256,2 milioni, +26 percento rispetto ai 203,9 milioni nel primo trimestre 2017 (pari a un +35 percento a tassi di cambio costanti).

I ricavi wholesale, invece, sono stati pari a 75,8 milioni, +5 percento rispetto ai 72,3 milioni del primo trimestre 2017 (+9 percento a tassi di cambio costanti).

Dai mercati internazionali sono arrivati ricavi pari a 288,8 milioni, +22 percento rispetto ai 237 milioni del primo trimestre 2017; +31 percento a tassi di cambio costanti.

I ricavi consolidati di Moncler si sono attesti a 332 milioni nel primo trimestre 2018

“Il primo trimestre del 2018 ha segnato un’ulteriore, fondamentale, tappa nel cammino del nostro gruppo. Non soltanto per i risultati che considero eccezionali, con un aumento dei ricavi del 28 percento a tassi di cambio costanti e una crescita a doppia cifra in tutte le aree geografiche. Ma anche, e soprattutto, perché il 20 febbraio abbiamo presentato il nostro progetto Moncler Genius, un hub creativo che ha saputo reinterpretare lo spirito di Moncler andando oltre il concetto di stagione", ha spiegato, in una nota, Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler.

"Un nuovo modo di lavorare che ha nella volontà di cercare linguaggi diversi, per interagire costantemente con il consumatore, la sua essenza e nel digitale la sua attuazione. Ciascuna delle collezioni sarà lanciata singolarmente a partire dal prossimo 14 giugno con Moncler Fragment Hiroshi Fujiwara; a seguire arriveranno sul mercato tutte le altre collezioni con cadenza mensile”, ha aggiunto il ceo.

In Italia l’incremento dei ricavi è stato pari al 10 percento, ha spiegato il management di Moncler in una nota, sostenuto, in particolare, dalla crescita del canale retail.

In Emea i ricavi sono aumentati del 18 percento a tassi di cambio costanti, trainati da entrambi i canali distributivi, con una solida crescita in tutti i mercati. "In particolare Francia, Regno Unito e Germania hanno contribuito in maniera significativa ai risultati del primo trimestre", si legge nella nota.

In Asia e Resto del mondo i ricavi sono aumentati del 39 percento a tassi di cambio costanti, con crescite rilevanti in tutti i mercati; in particolare, Cina e Hong Kong hanno registrato performance significativamente superiori alla media della region.

Nelle Americhe i ricavi hanno registrato un aumento del 34 percento a tassi di cambio costanti, trainati da crescite sia negli Stati Uniti, sia in Canada.

Al 31 marzo 2018, la rete di negozi monomarca della griffe poteva contare su 205 punti vendita diretti retail, in aumento di 4 unità rispetto al 31 dicembre 2017 e su 61 shop-in-shop wholesale, in aumento di 2 unità rispetto al 31 dicembre 2017.

Nel corso del primo trimestre 2018, Moncler ha inaugurato il flagship store di Dubai, oltre a due aperture in Corea e alla conversione dello shop-in-shop Enfant di Londra Harrods in un punto vendita retail.

Foto: Moncler website
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO