Dan John punta ai 67 milioni di fatturato nel 2019

Dan John, azienda italiana attiva nel ready to wear per l'uomo, ha messo a punto una strategia di espansione sui mercati esteri.

La società, nata nel 2015, ha chiuso il 2018 con un fatturato pari a 45 milioni di euro e conta oggi 53 punti vendita, quasi tutti di proprietà. Le previsioni per il 2019 indicano un fatturato di 67 milioni. Il numero dei monomarca toccherà quota 80 negozi con nuove aperture in Italia, ma anche in Spagna, a Madrid, per poi conquistare nel 2020 anche Germania, Belgio e Francia e successivamente gli Stati Uniti d’America, con le città di New York, Boston, Chicago.

L'azienda, che conta 200 dipendenti, è guidata da Daniele Raccah, amministratore del Gruppo Rinah, di cui Dan John fa parte. e da Giovanni Della Rocca, amministratore della Dan John Italia, insieme ad Hannah Raccah.

"Noi ci rivolgiamo a un pubblico formale classico, che però apprezza le tendenze che cambiano ogni anno nelle vestibilità, come possono essere i reverse più larghi sulla giacca, o la gamba del pantalone più o meno stretta. Tutto questo siamo riusciti a proporlo a prezzi molto interessanti. E questa formula non solo sta avendo un notevole successo in Italia, con 53 punti vendita aperti in 3 anni, ma ha grandi potenzialità all’estero, grazie a un fitting contemporaneo e al linguaggio universale del classico di gusto italiano", ha sottolineato Daniele Raccah

“ Molto spesso si parla delle imprese familiari italiane come un modello antiquato, inadatto ai tempi della globalizzazione. Noi riteniamo invece che, seppur innovato e capace di aprirsi alle energie esterne e alle competenze, esso possa essere una grande opportunità, un modello di impresa che è fondata sul senso di responsabilità, sul “legame” anche oltre la famiglia, sul coinvolgimento attivo dei collaboratori, su una visione anche di futuro che molte aziende non è detto che sempre abbiano", ha aggiunto Raccah.

Foto: Dan John
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO