Fast Retailing punta ai 30mila miliardi di yen entro il 2030

Crescono le ambizioni del gruppo di abbigliamento giapponese Fast Retailing, cui fa capo, tra gli altri anche l'insegna Uniqlo. Tadashi Yanai, fondatore e proprietario, ha infatti annunciato che prevede di raggiungere 30.000 miliardi di yen (circa 222 miliardi di euro) di fatturato nel 2030. "E' un obiettivo, non sto scherzando", ha detto Yanai.

Finora, Tadashi Yanai aveva parlato di una cifra pari a "5.000 miliardi di yen entro il 2020", ma a quanto pare, guardando sempre più lontano, aumentano anche le stime del giro d'affari.

"Il nostro fatturato è previsto a quota 1.600 miliardi di yen quest'anno, l'anno successivo sarà di 2000 e quello dopo ancora di 2500 miliardi. Ciò significa che il traguardo dei 5000 non è così lontano".

Yanai è convinto che sia possibile riprodurre in tutto il mondo il successo di Uniqlo in Giappone, con i suoi 850 negozi.

Saranno aperti negozi Uniqlo anche a Milano e a Barcellona

"Quest'anno e il prossimo, i ricavi del gruppo all'estero dovrebbero superare quelli raccolti in Giappone", ha detto all'agenzia di stampa francese Afp, Yanai.

Tra le sfide del gruppo, quindi, l'apertura di punti vendita all'estero: "L'Asia è una priorità", ha ricordato Yanai, "ma non solo. Uniqlo ha già 700 negozi al di fuori del Giappone, con un tasso di apertura che sta accelerando e un modello di gestione che si evolve", ha detto l'imprenditore riferendosi al nuovo negozio nel quartiere del Marais a Parigi. Tra le mete scelte per le nuove aperture di Uniqlo figurano anche Barcellona e Milano.

Qualche settimana fa l'azienda ha anche annunciato che nel 2020 le donne dirigenti saranno il 30 percento. La società è già in una posizione migliore rispetto alla maggior parte delle imprese giapponesi, con un tasso del 13 percento (la media è dell'11 percento). A livello globale, il gruppo arriva anche a una percentuale di donne del 50 percento a livello di dirigenti.

Yanai "vuole creare un ambiente dove è possibile conciliare il lavoro e la vita familiare", ha sottolineato il gruppo in una nota qualche settimana fa.

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO