(annuncio pubblicitario)
(annuncio pubblicitario)
Geox: ecommerce a +25 percento nei nove mesi

Geox ha esaminato ieri l’interim management statement relativo ai primi nove mesi del 2017. “Geox sta lavorando bene, si vedono i primi risultati concreti della nuova strategia incentrata sull’aumento della redditività e sull’ottenimento di un business sano e profittevole. Sono pertanto fiducioso che questo primo passo, congiuntamente agli investimenti fatti nello stile, nei nuovi prodotti, nel nuovo concept dei negozi, nella nuova comunicazione incentrata sul binomio tecnologia-stile e nella forza commerciale nei nuovi mercati a grande potenziale, ci permetteranno di conseguire a breve anche una crescita profittevole, solida e duratura", ha commentato Mario Moretti Polegato, presidente e fondatore di Geox.

Il canale multimarca Geox ha riportato una crescita del +3,5 percento

L'azienda quotata alla Borsa di Milano, ha archiviato i primi nove mesi del 2017 con un fatturato sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno, grazie alla crescita del canale multimarca, con buone performance di Russia, Est Europa e Cina e alla crescita a doppia cifra del canale ecommerce, che hanno parzialmente compensato la programmata razionalizzazione della rete dei negozi monomarca, come ha sottolineato il management in una nota.

Il canale multimarca ha riportato una crescita del +3,5 percento anche nel portafoglio ordini della prossima stagione primavera/estate 2018.

I ricavi consolidati dei primi nove mesi del 2017 si sono attestati a 732,7 milioni, sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente (-0,9 percento a cambi correnti, -1,3 percento a cambi costanti) con la crescita del canale multimarca che compensa parzialmente la programmata razionalizzazione della rete dei negozi monomarca.

Nel dettaglio, i ricavi dei negozi multimarca, che rappresentano il 48 percento dei ricavi del gruppo (47 percento nei primi nove mesi del 2016), si sono attestati a 352,7 milioni, in crescita del 2 percento (+1,5% a cambi costanti) evidenziando una performance stabile in Italia e nel resto dell’Europa e una crescita a doppia cifra in Russia, Est Europa e Cina e nel canale online.

. I ricavi dei negozi a gestione diretta, che rappresentano il 37 percento dei ricavi del gruppo hanno mostrato una riduzione a 269,0 milioni (-1,9 percento a cambi costanti). Tale andamento è dovuto alla programmata ottimizzazione della rete dei negozi in particolare in Europa e all’espansione nei paesi più dinamici come Russia, Est Europa e Cina. Il saldo netto è comunque di 31 chiusure.

Per quanto riguarda le singole aree geografiche, i ricavi realizzati in Italia, che rappresentano il 30 percento dei ricavi del gruppo (31 percento nei primi nove mesi del 2016), si sono attestate a 222,4 milioni, rispetto a 231,2 milioni del corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

L'andamento è dovuto principalmente alla prevista razionalizzazione del network dei negozi monomarca (-43 chiusure nette) al leggero calo registrato nelle vendite comparabili dei negozi diretti mentre il canale multimarca è in linea con lo scorso esercizio.

I ricavi generati in Europa, pari al 43 percento dei ricavi del gruppo, sono ammontati a 318,3 milioni di euro, rispetto a 322,8 milioni dei primi nove mesi del 2016, registrando un decremento dell'1,4 percento principalmente dovuto, come in Italia, alla prevista razionalizzazione del network dei negozi monomarca (-31 chiusure nette), alla leggera crescita registrata nelle vendite comparabili dei negozi diretti e alle vendite del canale multimarca in linea con lo scorso esercizio.

Il Nord America ha registrato un fatturato pari a 43,9 milioni, riportando un decremento del 6,2 percento (-7,2 percento a cambi costanti) dovute all’andamento del mercato canadese, alle vendite comparabili dei negozi diretti stabili, e alle 5 chiusure nette registrate.

Gli altri Paesi hanno riportato un fatturato in crescita del 6,9 percento rispetto ai primi nove mesi del 2016 (+5,0 percento a cambi costanti) con performance positive sia nel canale multimarca, sia nel canale dei negozi Dos (LFL) e particolarmente significative in Russia, Est Europa e Cina.

Per quanto riguarda l’intero esercizio 2017, il management si attende un fatturato in leggero calo ma un significativo aumento della redditività rispetto all’esercizio precedente.

Foto: Geox press office