Il business che gira intorno alle fashion week milanesi

Qual è il business che gira intorno alle fashion week? Quanto guadagna una città come Milano che ospita quattro fashion week all'anno? Fra un paio di giorni prende il la settimana della moda donna, in agenda dal 22 al 27 febbraio, mentre a gennaio si è svolta quella dedicata alla menswear autunno inverno 2017-18.

Attese in città 30mila persone

Milano moda donna è in agenda dal 22 al 27 febbraio con 70 sfilate, 88 presentazioni, 4 presentazioni su appuntamento e 37 eventi in calendario, per un totale di 174 collezioni. Grinko, Angelo Marani, Wunderkind, Cristiano Burani, Gucci, Fay, Alberta Ferretti, N.21, Fausto Puglisi, Francesco Scognamiglio e Annakiki sono le griffe che sfileranno mercoledì 22, primo giorno di sfilate.Max Mara, Genny, Luisa Beccaria, Fendi, Vivetta, Anteprima, Emilio Pucci, Les Copains, Angel Chen, Prada, Daniela Gregis, Byblos, Moschino e Atsushi Nakashima, invece, sono le griffe che saliranno in passerella il secondo giorno. A chiudere la settimana della moda, il 27 febbraio, saranno Ricostru, Giorgio Armani, Alberto Zambelli e Daizy Shely. Lo stesso giorno alle 14,30, nel Duomo di Milano, si terrà una messa per ricordare Franca Sozzani.

 

Numeri alla mano, secondo le cifre elaborate da FashionUnited, il totale di visitatori che giunge in città per gli appuntamenti della moda è pari a 30mila persone e genera 64 milioni di euro.

I ristoranti riescono a guadagnare 22 milioni di euro, mentre i negozi 26 milioni e gli alberghi hanno un guadgno che si aggira intorno ai 9 milioni di euro.

In media, ciascun visitatore spende circa 1902 euro.

Si tratta di cifre che si discostano, ma non di molto, da quelle calcolate per le precedenti fashion week.

 

La London fashion week, che si è appena conclusa, genera come evento 228 milioni di sterline, e, secondo i calcoli di FashionUnited, genera 88 milioni di sterline. Per calcolare la cifra complessiva, FashionUnited prende il numero di visitatori e la spesa media di ciascuno di loro, la spesa per alberghi, ristoranti e altre spese. Alla settimana della moda Uk, per esempio, partecipano 105mila visitatori, con una spesa media di 1479 sterline. In aggiunta, gli stilisti e le case di moda che non sfilano al London fashion week hub o presso gli Store Studios affittano degli spazi per i loro esventi e le loro sfilate, spendendo circa 72,5 milioni di sterline.

I calcoli, poi, devono tenere presente che la città di Londra ha tutta una serie di tasse e redditi che arrivano da ristoranti, negozi e hotel. La capitale inglese riceverà, infatti, un totale di 44 milioni di sterline questo autunno inverno 2017, ciò significa che l'evento in sè, durante tutto l'anno, genererà 88 milioni di sterline.

Tutte le spese calcolate da FashionUnited per le fashion week in ciascuna capitale della moda si basano su una ricerca accademica del 2014 sulla New York Fashion Week, che ha diviso tutta una serie di introiti a livello locale, di negozi retail, di ristoranti e di hotel.

Foto: Versace, press office