• Home
  • News
  • Business
  • L'assemblea Aeffe approva il bilancio 2019

Business

L'assemblea Aeffe approva il bilancio 2019

Scritto da Isabella Naef

22 apr 2020

Oggi l’assemblea degli azionisti di Aeffe, società del lusso quotata al segmento Star di Borsa Italiana, cui fanno capo Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Moschino e Pollini, ha approvato in sede ordinaria, nell’odierna riunione, il bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, nella versione presentata dal consiglio di amministrazione dello scorso 12 marzo 2020.

Come si legge in una nota, non è prevista la distribuzione di dividendi.

Nel corso dell’assemblea è stato, inoltre, presentato il Bilancio consolidato relativo all’esercizio 2019 del Gruppo Aeffe e sono stati rinnovati gli organi sociali per il triennio 2020-2022.

La capogruppo Aeffe spa ha conseguito ricavi di vendita per 161,9 milioni di euro, in diminuzione del 7,9 per cento a cambi correnti rispetto all’esercizio 2018, per effetto del rallentamento del canale wholesale per le collezioni abbigliamento.

L’Ebitda del 2019 è stato pari a 14,1 milioni. L’ebitda al netto dell’effetto Ifrs 16 è stato pari a 11,9 milioni di euro, rispetto ai 16,3 milioni di euro dell’esercizio 2018, riportando un decremento di 4,4 milioni di euro.

L’utile netto dopo le imposte è stato di 5,2 milioni di euro, rispetto all’utile netto di 8,8 milioni di euro del 2018, riportando un calo di 3,6 milioni di euro e ciò è spiegato principalmente dalla contrazione dell’Ebitda, come sopra commentato.

A livello consolidato, i ricavi sono stati pari a 351,4 milioni di euro, rispetto ai 346,6 milioni del 2018, con un incremento dell’1,4 per cento a cambi correnti e dell’1,2 per cento a cambi costanti.

Per la divisione prêt-à-porter, nel 2019 l’ebitda è stato pari a 23,5 milioni, rispetto ai 31,6 milioni di euro del 2018, registrando un decremento di 9,5 milioni.

Per la divisione calzature e pelletteria, l’ebitda è stato pari a 13,1 milioni, rispetto agli 11,7 milioni di euro del 2018, con una crescita di 1,4 milioni di euro.

Foto: Pollini website