Lista dei ricchi 2017: altri 3 miliardari che hanno fatto fortuna nella moda

Non è un grande segreto che Amancio Ortega, l'uomo dietro a Inditex, sia l'uomo più ricco dell'industria della moda. Attualmente classificato come il quarto uomo più ricco del mondo, lo spagnolo vale 71,3 miliardi di dollari ,15,3 miliardi di dollari più di Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, secondo la lista Billionaires di Forbes. Ortega è riuscito a mantenere la sua classifica come l'uomo più ricco nella Industria mondiale della moda per un certo numero di anni, grazie al successo del business model fast fashion Zara.

Ma Ortega non è certamente il solo ad aver creato una fortuna nella moda. Prendiamo Bernard Arnault, per esempio, l'uomo dietro il conglomerato di lusso LVMH. Arnault ha visto il suo valore netto totale salire da 33,9 miliardi di dollari nel 2016, a 41,5 miliardi di dollari nel 2017, grazie all'acquisizione della casa di moda Christian Dior. C'è quindi un numero sempre crescente di individui che hanno fatto fortuna nella moda nel corso dell'ultimo anno. Vediamo più da vicino tre leader della moda che nel 2017 hanno visto un significativo aumento del loro valore netto, secondo la lista Top 100 di FashionUnited, pubblicata il 26 giugno.

Anders Holch Povlsen - Bestseller

Country: Danimarca

Aumento percentuale rispetto allo scorso anno: 57,50%

Posizione nell'elenco: 18

In primo luogo abbiamo Anders Holch Povlsen, che è il proprietario e ceo del gruppo leader di vendita al dettaglio di moda, Bestseller. Nota per la sua vasta gamma di catene di moda high street, come Jack & Jones, Vila e Vero Moda, la società possiede 20 marche di moda. Bestseller è presente in più di 70 mercati in Europa, Medio Oriente, Nord America, America Latina, Australia e India. Attualmente operano 2.700 negozi in 38 mercati in tutto il mondo, Oltre a 15.000 concessionarie, Bestseller si è rapidamente ampliata a partire dalla fondazione a Ringkobing, in Danimarca nel 1975.

L'aumento della risorsa netta di Povlsen è legata alle vendite crescenti di Bestseller, che hanno registrato un fatturato di 3,5 miliardi di dollari nel FY 2015/16. Tuttavia, Povlsen detiene anche quote significative negli etailer Zalando e Asos, che continuano a progredire. Bestseller rimane l'azionista più grande della piattaforma britannica di commercio elettronico Asos, detenendo una quota del 29,16%, oltre a una quota del 10% del tedesco Zalando. Inoltre, Povlsen possiede oltre l'1% di tutta la terra in Scozia, attraverso Wildland, un'organizzazione senza scopo di lucro che l'imprenditore ha istituito per acquistare e proteggere terreni naturali.

Michel Leclercq - Decathlon

Country: Francia

Percentuale di crescita dallo scorso anno: 16.67%

Posizione nella lista: 26

Michel Leclercq, fondatore di Decathlon, è un'altra risorsa significativa di questa lista. Leclercq ha aperto un piccolo negozio di abbigliamento sportivo nel 1976, sotto il nome Decathlon. Da allora la catena dedicata allo sport è diventata uno dei più grandi rivenditoridel mondo. Con più di 900 negozi in tutto il mondo, Decathlon impiega 60.000 persone in 27 paesi. Il rivenditore, che offre una vasta gamma di articoli per l'atletica, attrezzature e attrezzi per esterni, ha aperto il suo negozio durante il boom nelle federazioni sportive e nei club.

Decathlon ha visto un costante aumento delle vendite dal 2009, visto che i consumatori continuano a investire in salute, fitness e benessere. Pertanto, non dovrebbe sorprendere che Decathlon abbia dichiarato un fatturato di 11,5 miliardi di dollari prima delle imposte per l'anno 2016. Inoltre, Leclercrq, che detiene una quota del 40 per cento di Decathlon, è il cugino di Gerard Mulliez, patriarca della famosa dinastia francese di vendita al dettaglio, per cui il suo successo nel settore non dovrebbe creare shock. Leclercq e la sua famiglia posseggono il 40 per cento della compagnia sportiva, mentre alla famiglia Mulliez fa capo un altro 40 per cento.

Bernard Lewis - River Island

Country: Gran Bretagna

Percentuale di crescita dallo scorso anno: 27.78%

Posizione nella lista: 57

Bernard Lewis, l'uomo dietro Chelsea Girl, meglio conosciuto oggi come River Island, ha goduto di un aumento del 27,7% del suo patrimonio netto nell'ultimo anno. Lewis ha iniziato nell'industria che vende lana da maglia The Wool Shop. Ha continuato a lanciare il suo negozio, sotto il nome di Lewis Separates, prima di cambiare il nome in Chelsea Girl nel 1965, e successivamente, nel 1988 in River Island.

Avendo più di 350 negozi in tutto il mondo, con franchising in Europa, Asia e Medio Oriente, la catena di moda high street è riuscita a colpire con successo il segmento dei millennials. River Island raggiunge più di 1 miliardo di dollari di vendite annuali e viene supervisionata da Ben Lewis, nipote di Bernard Lewis, che ha iniziato a lavorare in azienda come responsabile di negozio nel 1990. Ben Lewis è stato amministratore delegato del River Island dal 2010.

Onorevole menzione: Sefik Yilmaz Dizdar

Country: Turkey

Posizione nella lista: 98

New Entry nella lista 2016

Sefik Yilmaz Dizdar, l'uomo dietro la turca LC Waikiki merita una menzione onorevole, visto che il 2017 segna la prima volta in cui è comparso nella lista Top 100 di FashionUnited. Produttore e rivenditore di moda ready to wear e articoli per la casa, LC Waikiki ha le carte in regola per diventare uno dei tre marchi più importanti in Europa entro il 2023.

Fondata dal designer francese Georges Amouyal, dal suo partner in Francia, Yilmaz Dizdar e da altri, tra cui il miliardario Mustafa Kucuk, nel nel 1988, l'azienda ha acquisito la leadership nel settore della moda nel 1997. Successivamente Yilmaz Dizdar e i suoi partner hanno deciso di sviluppare la propria catena e di vendere i loro prodotti. Da allora LC Waikiki si è ampliata per contare oltre 750 negozi in 36 paesi tra cui il Medio Oriente e Sud-Est asiatico, generando più di 2 miliardi di dollari nelle vendite, l'anno scorso. Il fratello di Mustafa Kucuk, Vahap Kucuk, è ceo e portavoce di LC Waikiki.

Foto homepage: via Pexels

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO