• Home
  • News
  • Business
  • Moncler: ricavi in calo del 18 per cento nel primo trimestre

Business

Moncler: ricavi in calo del 18 per cento nel primo trimestre

Scritto da Isabella Naef

24 apr 2020

Moncler ha annunciato i risultati del primo trimestre 2020 che hanno risentito delle stringenti misure di contenimento per contrastare la diffusione uovo coronavirus Covid-19 adottate dai governi dei diversi paesi in cui opera il gruppo.

I ricavi consolidati dei primi tre mesi si sono attestati a quota 310,1 milioni, -18 per cento a tassi di cambio correnti e costanti, rispetto a 378, 5 milioni nel primo trimestre 2019.

"Adesso, dopo diverse settimane di emergenza sanitaria, dobbiamo pensare al dopo, alla ripartenza", ha detto Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler

I ricavi retail si sono attestati a quota 236,3 milioni, -19 per cento a tassi di cambio correnti e costanti, rispetto a 291,4 milioni nel primo trimestre 2019. Come si legge in una nota, inoltre, i ricavi wholsale sono stati pari a 73,8 milioni, -15 per cento a tassi di cambio correnti e costanti, rispetto a 87,1 milioni nel primo trimestre 2019.

"Questi tre mesi saranno ricordati come uno spartiacque tra il prima e il dopo .Ci siamo trovati di fronte a un "nemico" sconosciuto, veloce e globale. Abbiamo capito che per affrontarlo servivano azioni eccezionali e tempestive. Adesso, dopo diverse settimane di emergenza sanitaria, dobbiamo pensare al dopo, alla ripartenza. E dobbiamo farlo anche cogliendo un'opportunità che ci viene offerta di ripensare il sistema a tutti i livelli", ha detto, attraverso una nota, Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler.

"È proprio questo che oggi sto chiedendo alle mie persone. Sono molto orgoglioso di come tutta l'azienda ha da subito reagito di fronte a questa crisi: dopo 24 trimestri di crescita a doppia cifra non è facile trovarsi a fronteggiare una perdita di fatturato importante, avere oltre la metà del network di negozi chiusi e forti discontinuità nella catena produttiva e logistica. Abbiamo prontamente messo in sicurezza i processi essenziali e agito per ridurre il rischio di invenduto. Abbiamo imparato a lavorare in smart working in un weekend", ha aggiunto Ruffini.

Per quanto riguarda le aree Emea i ricavi sono diminuiti. del 7,1 a tassi di cambio costanti. La Germania e il Medio-Oriente hanno sovraperformato la media della Regione.

ln Asia e Resto del Mondo i ricavi del gruppo sono diminuiti del 23 per cento. Giappone e Corea hanno sovraperformato il resto della Regione, grazie a una solida domanda locale e., in particolare in Corea, ai minori effetti negativi legati alla diffusione del Covid-19.

Hong Kong ha continuato a registrare risultati molto negativi. La Cina continentale, che da fine gennaio e per tutto il mese di febbraio è stata significativamente colpita dalle misure di contenimento della diffusione del virus, ha iniziato a marzo a mostrare alcuni segnali di ripresa. Le Americhe hanno registrato una diminuzione dei ricavi dd 2,3 per cento a tassi di cambio costanti., a causa di una marcata riduzione del traffico e delle misure attuate dai Governi per far fronte all'emergenza sanitaria.

Al 31 marzo 2020, la rete di negozi monomarca Moncler contava su 213 punti vendita diretti retail.

Le misure eccezionali adottate dai governi di diversi Paesi nel mondo per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, Covid-19 hanno prodotto nel primo trimestre dell'esercizio 2020 effetti rilevanti in molti mercati e canali distributivi in cui opera Moncler.

A livello produttivo e logistico, la società ha dovuto fronteggiare varie complessità principalmente legate alla creazione delle collezioni cosiddette al reperimento di materie prime., oltre che difficoltà legate alla chiusura dei centri distributivi inclusi quelli per il business online, si legge nella nota.

Sin dalle prime notizie riguardanti la diffusione del Covid-19, la società ha tempestivamente nominato al suo interno una task force dedicata alla gestione di questa emergenza e ha immediatamente implementato importanti azioni e chiare procedure atte a salvaguardare la salute dei propri dipendenti e a proteggere il business.

Per quanto riguarda il personale. è stato attivato lo smart working progressivamente in tutti gli uffici regionali come sono state applicate le restrizioni sul distanziamento sociale e dal 23 febbraio anche per tutti i dipendenti degli headquarter italiani.

Moncler ha chiuso il 2019 con ricavi pari a 1,62 miliardi di euro, rispetto a 1,4 miliardi del 2018, in aumento del 13 per cento a tassi di cambio costanti e del 15 per cento a tassi di cambio correnti. Al 31 dicembre 2019, la posizione finanziaria netta dell'azienda guidata da Remo Ruffini era di 662,6 milioni, rispetto a 450,1 milioni al 31 dicembre 2018. L'utile netto è stato pari a 361,5 milioni, 22,2 per cento, in crescita del 9 per cento.

Il capitale circolante netto è stato pari a 128,2 milioni, in aumento rispetto a 103,2 milioni al 31 dicembre 2018. Nel corso dell'esercizio 2019, sono stati effettuati investimenti netti per 120,8 milioni, in aumento rispetto a 91,5 milioni nel 2018. Il free cash flow nell'esercizio 2019 è stato pari a 340,0 milioni, rispetto a 362,0 milioni nell'esercizio 2018.

Nel 2019 Moncler ha lanciato sul mercato il piumino bio-based e carbon neutral progettato con tessuti e accessori di origine vegetale. Dopo il lancio di una gamma di prodotti realizzati con materiali riciclati per la linea Moncler Grenoble, con questo piumino, "l'azienda conferma il suo impegno a sperimentare e a collaborare con tutti gli attori della filiera alla ricerca di soluzioni alternative che possano contribuire a contrastare i cambiamenti climatici, garantendo al tempo stesso gli alti standard di qualità e tecnicità tipici dei capi Moncler", spiegava il management in una nota.

Foto: Moncler Facebook