Moncler: ricavi in crescita del 18 percento nei nove mesi

Ricavi consolidati pari a 872,7 milioni di euro, in crescita del 18 percento rispetto ai 736,8 milioni nei primi nove mesi del 2017; +23 percento a tassi di cambio costanti, per Moncler.

"Grande apprezzamento delle collezioni autunno inverno e dei lanci legati al progetto Moncler Genius che continua a sostenere il brand momentum del gruppo", si legge in una nota diffusa dal management dell'azienda, ieri nel tardo pomeriggio.

L'aumento del fatturato Moncler in Italia è stato pari all’8 percento

I ricavi retail sono stati pari a 597,3 milioni, in crescita del 25 percento rispetto a 477,8 milioni nei primi nove mesi del 2017; +30 percento a tassi di cambio costanti.

I ricavi wholesale si sono attestati a 275,4 milioni, in crescita del 6 percento rispetto ai 259,0 milioni nei primi nove mesi del 2017; +10 percento a tassi di cambio costanti.

L'azienda contava, al 30 settembre, 214 monomarca diretti, in aumento rispetto alle 201 unità al 31 dicembre 2017.

“Conseguire un’ulteriore crescita del 18 percento anche nel terzo trimestre di quest’anno, nonostante basi di confronto sempre più sfidanti, è un risultato eccezionale che conferma la bontà della strategia e la nostra capacità di esecuzione. Questi ultimi tre mesi sono stati pieni di importanti iniziative, a partire dalla concretizzazione del progetto Moncler Genius con i vari lanci susseguitisi con cadenza mensile, e l’apertura del flagship store di New York, Soho", ha sottolineato Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler.

"Infine nelle ultime settimane abbiamo lanciato il Moncler Genius Building in oltre 20 pop-up e in circa 30 negozi a gestione diretta e la collezione 1 Moncler Pierpaolo Piccioli. Come ripeto sempre, un’idea, anche la più brillante, non vale niente senza la capacità di realizzarla. Questa è la nostra grande differenza: avere la capacità di perseguire progetti, anche i più complessi, con grandissima passione e con l’abilità di portarli a compimento", ha aggiunto Ruffini.

Tornando ai dati, nei primi nove mesi del 2018, Moncler ha conseguito performance buone in tutte le aree geografiche in cui opera e in entrambi i canali distributivi.

Nel dettaglio, l'aumento del fatturato in Italia è stato pari all’8 percento (+7 percento nel terzo trimestre), in particolare grazie alle performance registrate nel canale retail, anche sostenute dai buoni risultati del nuovo negozio di Firenze e del flagship store di Milano-Montenapoleone.

Il fatturato in Emea è aumentato del 15 percento a tassi di cambio costanti (+13 percento nel terzo trimestre). La Region Asia e Resto del mondo ha registrato crescite superiori alla media del gruppo segnando un +39 percento a tassi di cambio costanti (+36 percento nel terzo trimestre). "Il Giappone ha conseguito crescite molto importanti anche nel terzo trimestre, grazie al canale retail. L’Apac ha continuato a registrare ottimi risultati in tutti i Paesi e in entrambi i canali; in particolare la Cina continentale ha evidenziato crescite superiori alla media della Region anche nel terzo trimestre", si legge nella nota.

La Corea ha registrato incrementi a doppia cifra guidati da una sostenuta crescita organica, continuando a beneficiare dell’importante lavoro svolto negli ultimi anni. Nelle Americhe il fatturato è aumentato del 19 percento a tassi di cambio costanti (+10 percento nel terzo trimestre).

Foto: Remo Ruffini
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO