(annuncio pubblicitario)
(annuncio pubblicitario)
Al via oggi Lineapelle

Al via a Milano da oggi, 20 febbraio, fino al 22 febbraio, Lineapelle: la fiera dedicata alla pelle e agli accessori.

La kermesse è giunta quest'anno alla 94esima edizione e andrà in scena a Fieramilano Rho.

Sono 1.254 gli espositori per complessivi 44 Paesi, in aumento del 5 percento rispetto all’edizione di riferimento stagionale di febbraio 2017. In crescita sia le presenze italiane (+4 percento), sia quelle estere (+6 percento).

Confermate le tre aree trend (Padiglione 13, 9 e 22) dove i visitatori possono esplorare l’approccio innovativo degli espositori, toccando con mano circa 2.000 campioni di prodotto sviluppati declinando il trend mood Empathy, studiato per la stagione primavera/estate 2019.

Mercoledì 21 febbraio è in agenda la Conferenza internazionale concia e chimici. Organizzato da Unic (Unione Nazionale Industria Conciaria) e Cotance (la Confederazione europea delle associazioni conciarie), l'evento propone una serie di riflessioni di attualità sul tema della chimica conciaria e sugli aspetti di rischio e opportunità legati alle differenti tipologie di processo.

Foto: Lineapelle press office
TheOneMilano al via il 23 febbraio a fieramilanocity

La terza edizione di TheOneMilano si svolgerà dal 23 al 26 febbraio a Fieramilanocity. La kermesse, come hanno spiegato ieri gli organizzatori in una conferenza stampa a Milano, si presenta con una nuova immagine e un nuovo format.

In totale sono 269 gli espositori (di cui 129 esteri) presenti con le proposte di 342 brand.

TheOneMIlano ospiterà 269 espositori

Al salone, che collabora con Ita, Italian Trade Agency Ice, l’agenzia per la promozione e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, sono accreditate delegazioni provenienti da Corea del Sud, Russia, Arabia Saudita, Kuwait, Emirati Arabi, Giappone, Stati Uniti, Austria, Belgio, Libano, Turchia, Marocco. "Questo a dimostrazione che il salone propone una moda apprezzata dai buyer di tutto il mondo, come dimostrano i dati di accesso del febbraio 2017, che evidenziano la presenza di visitatori per il 64 percento stranieri", ha spiegato il management della fiera.

La nuova visual identity coinvolge sia la comunicazione grafica, sia l’organizzazione degli spazi espositivi, in una combinazione concettuale e cromatica che esprime l’unicità della manifestazione e allo stesso tempo la molteplicità del suo expertise, "a partire dal concetto di unicità presente nel nome TheOneMilano, ovvero “One” che si è trasformato in simbolo e manifesto di un’esperienza ricca e sfaccettata di comunicazione e di esperienze da vivere in fiera (progetto grafico di identità visiva ideato da Kitchen Stories)" si legge in una nota.

Quattro le aree in cui è stata suddivisa la keremsse: TheOneIdentity, dedicata alle insegne del contemporary luxury e alle label di grande ricerca e sperimentazione; TheOneShowroom, dedicata agli showroom; TheOneOriginal, che porta in primo piano le realtà industriali del comparto tessile e TheOneFur&leather, la vetrina dei nomi del settore del fur e della pelle.

La prima giornata di fiera, venerdì 23 febbraio, si chiuderà con una sfilata collettiva che vedrà la pellicceria protagonista durante la Fashion week milanese, in passerella Fabio Gavazzi, Giorgio magnani Luxury, GrandiFur, Malamatì, Pajaro, Rindi, Kopenhagen Fur.

Domenica 25 sarà la volta di Remix, il Concorso internazionale dedicato ai talenti emergenti provenienti da tutto il mondo e organizzato da Iff, International Fur federation in collaborazione con la fiera.

Foto: TheOneMilano, credit press office

Mipel: visitatori a +5 percento

Visitatori a + 5,6 percento, rispetto all’edizione di febbraio 2017, per Mipel. Positiva la presenze dei buyer italiani (+5 percento), alla kermesse, che si è chiusa ieri, 14 febbraio.

La prossima edizione della kermesse si svolgerà dal 16 al 19 settembre.

Sul fronte dei mercati esteri, è stata notevole l’affluenza di visitatori provenienti da Cina (+6,8 percento), Federazione Russa (+26,1 percento), India, Indonesia, Giappone (+13,6 percento) e Corea Del Sud (+7,8 percento), questi ultimi classici mercati di sbocco della pelletteria italiana.

Per quanto riguarda l’Europa, sono risultate in calo le presenze di visitatori provenienti da Francia, Portogallo e Regno Unito (ciò probabilmente a causa dei primi effetti della Brexit), mentre sono in crescita i buyer di Germania e Austria.

Foto: Mipel press office

Sono 140 i marchi che esporranno a Super

Sono 140 i marchi che parteciperanno a Super, kermesse in agenda a Milano, dal 24 al 26 febbraio. Il salone degli accessori e prêt-à-porter donna di Pitti Immagine punta su un mix sempre più orientato verso selezione e scouting globale unendo marchi affermati e conosciuti a realtà nuove e creative.

Supr si svolgerò dal 24 al 26 febbraio al The Mall in Porta Nuova Varesine

La kermesse, come avviene ormai da diverse stagioni, si svolgerà, al The Mall, in Porta Nuova Varesine.

“Ricerca e selezione nella moda donna contemporanea più innovativa, attraverso uno scouting ad ampio respiro sulla scena internazionale. Non solo lavorando sul network di contatti e brand che costruiamo con gli altri nostri saloni, ma anche grazie a progetti focalizzati sui designer emergenti e sui nuovi mondi della moda contemporanea", ha spiegato ieri, a Milano, durante la confeernza stampa di presentazione del salone, Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine.

Tra le novità la collaborazione con la Tbilisi fashion week, con un focus sulla scena creativa dalla Georgia; la partecipazione di tre progetti di creatività basati in India, lanciati da giovani designer; e ancora l’esplorazione dei nuovi talenti dal mondo con la piattaforma Super Talents.

New Countries to watch, invece, è la sezione con cui il management della kermesse intende proporre ai buyer una selezione di brand nuova, "sempre più creativa e da paesi ancora inesplorati", ha sottolineato Poletto.

Numeri alla mano dei 140 marchi presenti a questa edizione il 40 percento provengono dall’estero.

Dopo il debutto Pitti Uomo, approda a Super in versione womenswear Athlovers, progetto speciale sulle collezioni athletic-minded e la nuova dimensione del vivere sportivo. Tra i brand protagonisti del progetto ci saranno nomi come Brandblack, P.E Nation e Reda Rewoolution.

Al salone di Pitti Immagine a Milano, Moon Boot, gli iconici doposci per eccellenza prodotti da Tecnica, presenteranno l’anteprima di due nuove speciali collaborazioni: una rivisitazione dai toni high, pop e multicolor firmata Jeremy Scott, che ha già catturato l’attenzione della platea internazionale durante l’ultima sfilata newyorkese; e ancora, in chiave luxury e ipersofisticata la nuova versione di Moon Boot realizzata dal marchio francese Yves Salomon.

Foto: Super, credit Pitti Immagine press office

Micam: boom di visitatori russi

Micam ha chiuso oggi i battenti alla Fiera Milano (Rho) con 44.227 visitatori, di cui il 60 percento provenienti dall’estero. All'edizione del febbraio 2017 ammontavano a 44.610 le presenze certificate, di cui 26.505 estere e 18.105 italiane (+1,2 percento).

Tornando all'edizione di questo febbraio, anadata in scena dall'11 al 14 febbraio, nel dettaglio, sul fronte internazionale, gli organizzatori segnalano una forte crescita dei visitatori provenienti dalla Russia con un +22 percento. Segue l’Ucraina con +7 percento. Nei mercati Ue, la Germania ha registrato un +9 percento, mentre tiene la Francia con un +1 percento.

In calo calo le presenze dei visitatori provenienti da Cina e Hong Kong "dovuto alla contemporaneità del capodanno cinese e si riscontrano i primi effetti della Brexit, con una diminuzione dei visitatori dal Regno Unito", si legge in una nota di Micam.

“Micam si conferma una piattaforma di business unica nel suo genere, dove intercettare nuove opportunità di sviluppo e dove si esprime al meglio creatività e ricerca delle nostre aziende, nonostante persista una forte criticità del mercato interno che penalizza pesantemente le piccole e medie imprese italiane”, ha commentato Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici.

Foto: Micam website
White Milano apre le porte a 546 marchi

"White oggi ha un'importanza internazionale, cosa che non era pensabile all'inizio", così, ieri, durante la conferenza stampa a Milano, a Palazzo Reale, Massimiliano Bizzi, fondatore del salone, ha raccontato le novità di White Milano, che s svolgerà in zona Tortona dal 23 al 26 febbraio.

La kermesse ha "un ruolo di leadership nel womenswear internazionale. Grazie a partnership e collaborazioni tra diversi Paesi, tra cui si evidenzia la presenza di Modefabriek da Amsterdam, White si dimostra la piattaforma ideale marketing oriented sia per i marchi consolidati, sia per i brand di tendenza", ha aggiunto Bizzi.

Nell’ottica della crescente internazionalizzazione, special guest del salone è Rouge Margaux, label parigina creata nel 2016, sotto la direzione artistica di Cem Cinar. Per la prima volta la nuova collezione dell'etichetta sarà presentata a Milano all’interno del Tortona 31 / Archiproducts, dopo il lancio di Parigi e le presentazioni a Seoul, Hong Kong e Tokyo.

White Milano apre le porte a 546 marchi

Lo special guest di White Milano è Rouge Margaux

A oggi la superficie allestita è di 21.700 metri quadrati dove i buyer troveranno un brand mix con marchi consolidati, realtà internazionali e brand di tendenza.

Al salone, patrocinato dal Comune di Milano, parteciperanno 546 marchi (+6,85 percento rispetto a febbraio 2017), di cui 163 esteri.

"L’ampliamento della parte espositiva e i 546 marchi presenti in occasione di questa fashion week, dimostrano come le aziende, gli operatori, i buyer sino al grande pubblico, considerino Milano e ancora di più White, la vetrina ottimale dove presentare le proprie collezioni in un contesto sempre più ricco e internazionale", ha detto l’assessore alla Politiche per il lavoro, attività produttive, moda e design Cristina Tajani.

Ieri, inoltre, durante la conferenza stampa il management di White ha confermato Style Routes to Shanghai, che riporterà a ottobre, e per la seconda volta, durante la fashion week di Shanghai, una selezione di aziende che vogliono sviluppare opportunità nel mercato cinese.

Foto: Rouge Margaux, credit White press office
Gli espositori di Micam oggetto di comunicazioni ingannevoli

"Gli espositori di Micam stanno ricevendo una quantità crescente di posta non sollecitata da imprese che chiedono la conferma dei rispettivi dati aziendali per l’inserimento degli stessi in elenchi commerciali e il pagamento per servizi relativi a inserzioni pubblicitarie su cataloghi virtuali".

Così, come riportato sul sito internet della kermesse, gli organizzatori della fiera dedicata alle calzature, che andrà in scena dall’11 al 14 febbraio a Fiera Milano (Rho), hanno messo in guardia gli espositori da tempo oggetto di queste mail da parte di diverse società straniere, alcune con sede in Messico o Slovacchia, su cui sono in corso azioni legali. "Attraverso i propri legali Anci Servizi S.r.l. a Socio Unico ha prontamente diffidato le imprese sopra elencate", si legge sul sito di Micam.

Le comunicazioni inviate agli espositori spesso sono accompagnate da testi e immagini che richiamano quelli di Micam "che potrebbero indurre in errore i destinatari. "Si tratta di email che hanno generato confusione presso i nostri espositori. Ce ne siamo accorti grazie alle segnalazioni delle aziende che ci chiedevano spiegazioni di queste comunicazioni in cui veniva richiesto il pagamento di alcuni servizi. Addirittura alcune di queste mail sono state indirizzate anche alla nostra struttura organizzativa", ha spiegato a FashionUnited, Paolo Borghini, managing director di Micam, ieri, a Milano, a margine della conferenza stampa della kermesse.

Ecco perchè, come scrive Micam sul sito, "ogni qual volta si riceve una lettera come quelle in commento s’invita a verificare attentamente il contenuto e l'autenticità della fonte".

Già nel 2014 e nel 2015 l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato, Agcm, aveva accertato la “pratica commerciale scorretta" posta in essere da alcune delle aziende straniere ciate da Micam, pratica consistente nell’aver iscritto, "unilateralmente e a loro insaputa, i dati aziendali di imprese italiane, al solo fine di promuovere la sottoscrizione di un abbonamento pluriennale ad un servizio di annunci pubblicitari a pagamento”.

Foto: Micam wesbite
Micam va in scena a Milano dall'11 al 14 febbraio

Andrà in scena dall’11 al 14 febbraio a Fiera Milano (Rho) l'85esima edizione di Micam. Alla kermesse dedicata alle calzature parteciperanno 1.364 espositori di cui 603 stranieri e 761 italiani.

Come annunciato ieri, durante la conferenza stampa di presentazione dagli organizzatori, tra le new entry di questa edizione figurano Docksteps, Donna Karan, Fragiacomo, Frau, Lelli Kelly, Paciotti e Zecchino D’Oro.

“Micam è un appuntamento immancabile per quanti cercano una vetrina internazionale unica per qualità e stile”, ha sottolineato Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici. “Le aziende, che qui incontrano buyer di tutto il mondo, ritengono questa manifestazione un’occasione unica per lanciare i loro nuovi prodotti, stabilire o consolidare relazioni d’affari, finalizzare al meglio le strategie commerciali internazionali. È qui che si valorizzano al massimo la qualità, la creatività, la ricerca che le nostre aziende sanno esprimere”.

Il settore della calzatura nei primi dieci mesi del 2017 ha mostrato segni moderatamente positivi in tutti i principali indicatori, nonostante un quadro congiunturale improntato ancora alla cautela e alla stabilità.

“A sostenere il settore è ancora una volta l’export che, secondo le cifre ufficiali Istat ferme ai primi dieci mesi del 2017, evidenzia incrementi del 3,3 percento in valore e dell’1,5 percento in quantità rispetto all’analogo periodo del 2016", ha detto Pilotti.

Parteciperanno a Micam 1.364 espositori di cui 603 stranieri e 761 italiani

Al di là della congiuntura economica che coinvolge ancora l'Italia, il settore è afflitto dal fenomeno della contraffazione, come non ha mancato di sottolineare Pilotti.

Numeri alla mano, ha ricordato Pilotti, a livello nazionale il valore del mercato interno del falso genera un “fatturato” di oltre 6 miliardi all’anno e il danno economico per le industrie calzaturiere è stimato tra 190 e 240 milioni di euro.

Al padiglione 1, nella Fashion Square, sarà quindi allestito un corner dedicato alla lotta alla contraffazione. Tra gli obiettivi di Assocalzaturifici c’è, infatti, la diffusione della cultura della legalità contro i fenomeni della concorrenza sleale e dei prodotti contraffatti, che penalizzano la produzione made in Italy.

La kermesse al via domenica, inoltre, dedicherà molta attenzione agli emerging designer, con un’area dedicata a quei designer le cui collezioni emergono sul panorama dell’offerta calzaturiera contemporanea, perché in grado di carpire l’attenzione dei consumatori creativi, che sono quelli con l’occhio più allenato ed esperto nel valutare scelte d’acquisto che faranno tendenza, hanno spiegato gli organizzatori, ieri, durante la conferenza stampa.

Spazio alla creatività nell’iKids Square con Monsieur Plant, nome d’arte di Christophe Guinet. L’artista parigino, celebre per le sue sculture “naturali”, creerà una serie di opere d’arte utilizzando i modelli di alcune calzature da bambino.

Foto: Micam website

Milano Unica chiude con visitatori in crescita

La 26esima edizione di Milano Unica, salone italiano del tessile e accessori, che si è tenuta a Fiera Milano Rho dal 6 all’8 febbraio, ha registrato la partecipazione di 5.949 aziende visitatrici, in aumento del 2,4 percento.

In particolare le aziende estere sono cresciute del 10 percento. Da sottolineare anche l’aumento dei visitatori (+17 percento).

In particolare è risultata in crescita la partecipazione di aziende provenienti da Hong Kong (+70 percento), Federazione Russa (+54,5 percento), Germania (+50 percento), Usa (19,7 percento), Cina (19,6 percento), Francia (+15 percento), Turchia (+12 percento), mentre sono risultate in leggero calo le presenze di aziende del Regno Unito (-5 percento) e del Giappone (-6 percento).

"Questa edizione di Milano Unica", ha commentato il presidente della fiera, Ercole Botto Poala, "credo vada ricordata non solo per il numero e la qualità di espositori e di visitatori, ma anche per i messaggi che abbiamo voluto e saputo dare sia per una crescita culturale del nostro comparto, sia per l’avvio di un percorso a sostegno del rafforzamento della sostenibilità delle nostre produzioni e anche della sua percezione.

La 27esima edizione si terrà dal 10 al 12 luglio, sempre nella sede di Fiera Milano Rho, mentre dal 13 al 15 marzo è in agenda, a Shanghai, la 13esima edizione di Milano Unica Cina.

Foto: Milano Unica, foto credit Erdna, Milano Unica
Mipel apre le porte l'11 febbraio a Milano

Si svolgerà dall’11 al 14 febbraio “Mipel – The Bag Show”, manifestazione fieristica organizzata da Aimpes Servizi, nell’area espositiva di FieraMilano-Rho, in concomitanza con Micam, la fiera della calzatura.

Sono oltre 300 i brand di settore che presenteranno le loro nuove collezioni per il prossimo autunno-inverno. Sono attesi più di 12mila buyer provenienti da tutto il mondo.

I “sensi” saranno al centro della 113esima edizione della kermesse: "un’avanguardistica e coinvolgente esperienza sensoriale inviterà i visitatori a guardare, a vivere e a riempire gli spazi in modo unico ed emozionale offrendo un approccio originale all’oggetto borsa e all’accessorio moda", hanno spiegato gli organizzatori in una nota.

Alla fiera sarà possibile sperimentare quattro percorsi dedicati alla vista, all’udito, all’olfatto e al tatto.

Foto: Mipel press office