Micam apre i battenti domenica 15 settembre a Milano

Sarà in scena a Fiera Milano (Rho), dal 15 al 18 settembre, l'88esima edizione di Micam, la prima guidata dal neo presidente di Assocalzaturifici Siro Badon. La kermesse vedrà la presenza di 1303 espositori, 695 italiani e 608 internazionali, su oltre 60.000 metri quadrati, che presenteranno in anteprima le collezioni primavera estate 2020.

Tra i nomi presenti quest’anno, il rientro di brand come Nero Giardini, Alberto Guardiani e Nine West e nuovi ingressi come North Sails, Hush Puppies e Donald Pliner.

Micam ospiterà 1303 espositori, 695 italiani e 608 internazionali

“Celebriamo i cinquant’anni guardando soprattutto al futuro", ha spiegato Siro Badon, presidente di Assocalzaturifici e Micam, "racconteremo cinque decenni di storia del calzaturiero con una mostra che allestiremo prima in fiera e poi al Mudec di Milano per omaggiare la metropoli della moda con la nostra storia e la nostra tradizione. Ma non guardiamo solo al passato: nuove idee creative, start-up, nuovi valori per il settore e originali canali di comunicazione sono, infatti, le direttrici su cui puntare per guardare con fiducia ai prossimi cinquant’anni”.

Dopo l’avvio della scorsa edizione, si conferma anche a settembre lo spazio Italian Footwear startup a cura di Ice e Ministero dello Sviluppo economico, in cui saranno esposte le collezioni delle aziende selezionate da Suitex International, società di recruiting specializzata nel settore fashion: Ambleme, Federica Fasoli, Le Scarpe di Marta, Levius, Max Moore, Naglev, P448 Shoes, Samboue, Thomas Neuman.

Di interesse per gli operatori sarà la 26esima edizione del concorso internazionale International Lab of Mittelmoda - The Fashion Award in cui sfileranno le 25 collezioni finaliste provenienti da 14 nazioni e l’evento sarà ospitato da Micam lunedì 16 settembre.

Martedì scorso, nel corso della presentazione della nuova edizione alla stampa, il presidente di Assocalzaturifici ha dato i numeri del settore relativi al primo semestre. I dati raccontano un settore in cui l’export è caratterizzato da dinamiche favorevoli in valore (+8,4 per cento nei primi 5 mesi) e con un incremento a doppia cifra del surplus commerciale (+13,1 per cento).

"Tuttavia non mancano elementi di forte preoccupazione: contrazioni nei volumi, differenze sempre più ampie tra grandi brand e piccole medie imprese, difficoltà su diversi importanti mercati esteri e cronica debolezza nei consumi interni, che dopo un decennio di lenta erosione, mostrano nel primo semestre cali del -3,7 per cento in volume e del -3,2 per cento in spesa, con pesanti flessioni nei negozi (-11 per cento le paia vendute, con una diminuzione prossima al 16 per cento in spesa), mentre l’online seguita a crescere (+10,3 per cento in quantità e +17,3 per cento in spesa), e ora copre l’11 per cento in quantità e il 13 per cento in spesa del totale acquisti delle famiglie italiane. Tenuta per le catene di negozi (stabilità in volume e +2,3 per cento in valore).

Foto: Micam press office

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO