• Home
  • News
  • Moda
  • Ovs pubblica il bilancio di sostenibilità 2020

Ovs pubblica il bilancio di sostenibilità 2020

Scritto da Isabella Naef

17 mag 2021

Moda

Ovs è stata valutata, sulla base degli obiettivi raggiunti nel 2021, tra i top performer di settore in termini di Esg, ossia Environmental, social and governance dalle più quotate agenzie di rating di sostenibilità. Questa una delle evidenze emerse dal bilancio di sostenibilità 2020 di Ovs, appena pubblicato. Il documento rende noti i risultati raggiunti nell'anno appena trascorso, sul fronte dell'impegno verso l’ambiente e verso una moda circolare.

L'85 per cento del cotone presente nelle collezioni 2020 Ovs è certificato biologico o prodotto attraverso la Better cotton initiative

"Un percorso che Ovs sta portando avanti da diversi anni e che ha consentito di ottenere il riconoscimento di elevati traguardi nel settore in cui opera. Tra gli obiettivi più importanti raggiunti il lancio del progetto “Ecovalore” realizzato in collaborazione con l'Università di Padova, che ha richiesto tre anni di lavoro. Ispirata al principio della trasparenza, presupposto fondamentale per rendere credibile ogni dichiarazione di impegno su temi di sostenibilità ambientale, l’iniziativa è stata selezionata dal “Report 2020 circular fashion system commitment”, nell’ambito di un progetto cui hanno partecipato 86 aziende che rappresentano il 12,5 per cento del mercato globale del settore, tra le dieci best practice più rilevanti e innovative, grazie all’elaborazione e implementazione dell’indice di circolarità", si legge in una nota dell'azienda.

“Il bilancio di sostenibilità 2020 di Ovs è un documento molto importante che presenta in modo completo l'impegno del nostro gruppo verso l’ambiente", ha sottolineato Stefano Beraldo, amministratore delegato di di Ovs spa, "nella consapevolezza che l’industria della moda è fortemente inquinante e che dobbiamo adottare comportamenti attenti e corretti a favore delle future generazioni. Avvertiamo la responsabilità di essere l'azienda leader di mercato e di conseguenza siamo coscienti dell'importanza e dell'impatto di tutte le nostre azioni".

"La trasparenza è per noi un valore fondamentale che guiderà sempre più le nostre scelte e permetterà decisioni informate e consapevoli per i nostri clienti e gli stakeholder", ha aggiunto Beraldo.

Sono quattro i pilastri su cui si basa la strategia di sostenibilità del Gruppo: prodotti e supply chain; clienti e persone; negozi. A ogni pilastro corrispondono specifici target e piani di sviluppo.

Per quanto concerne i prodotti e supply chain, l'85 per cento del cotone presente nelle collezioni 2020 è certificato biologico o prodotto attraverso la Better Cotton Initiative ed è previsto per il 2021 il traguardo del 100 per cento. Inoltre, 1.300.000 capi sono stati prodotti utilizzando poliestere riciclato. Il 30 per cento del denim è stato prodotto utilizzando la tecnologia waterless e, entro il 2025, si arriverà al 100 per cento, risparmiando il consumo di oltre 1 miliardo di litri d’acqua. Complessivamente, oggi oltre il 65 per cento dell’assortimento è realizzato con materiali da filiera certificata a impatto ridotto, e si prevede di superare la soglia del 90 per cento entro il 2025.

Per quanto riguarda le persone, l'azienda "punta a promuovere un ambiente di lavoro inclusivo, con scelte organizzative coerenti e un'rticolata offerta di formazione, impegnandosi a garantire diritti umani e condizioni adeguate di lavoro a tutti i collaboratori che operano nelle sedi e nei negozi Ovs oltre a quelli impegnati nella catena di fornitura" specifica la nota.

Foto: Ovs, dall'ufficio stampa