Aeffe: utile a +216 percento nel FY 2017

"L’esercizio 2017 è stato caratterizzato da una crescita a doppia cifra dei ricavi e dalla più che proporzionale progressione della redditività", ha dichiarato Massimo Ferretti, presidente esecutivo, commenta altre news.

Il gruppo Aeffe ha conseguito nell'esercizio 2017 ricavi per 312,6 milioni di euro, rispetto ai 280,7 milioni del 2016 (+11,6 percento a tassi di cambio costanti, +11,4 percento a tassi di cambio correnti).

L’utile netto del gruppo fiorentino dopo le imposte è stato pari a 11,5 milioni di euro rispetto ai 3,6 milioni di utile netto del 2016, in aumento di 7,9 milioni (+216 percento).

Il turnover settoriale passa a 54,1 miliardi di euro nel 2017

“L’esercizio 2017 è stato caratterizzato da una crescita a doppia cifra dei ricavi e dalla più che proporzionale progressione della redditività, risultati ottenuti grazie al buon andamento dei nostri brand, soprattutto quelli di proprietà, e all'efficace modello di business. Le linee strategiche di medio-lungo termine del gruppo prevedono una costante attenzione alla realizzazione di collezioni fortemente distintive e al rafforzamento calibrato della nostra presenza nei mercati a elevato potenziale, soprattutto nell'area della Greater China e Asia Pacific", ha sottolineato in una nota stampa Massimo Ferretti, presidente esecutivo di Aeffe spa.

I ricavi della divisione prêt-à-porter della società di San Giovanni in Marignano, cui fanno capo, tra gli altri, Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Moschino, Pollini, Jeremy Scott e Cédric Charlier, sono stati pari a 239,8 milioni di euro, in crescita dell’11,4 percento a cambi costanti rispetto al 2016 (+11,1 percento a cambi correnti).

I ricavi della divisione calzature e pelletteria hanno segnato un incremento del 12,8 percento, sia a cambi costanti sia a cambi correnti, al lordo delle elisioni tra le due divisioni e ammontano a 108,2 milioni di euro.

Nel 2017 le vendite in Italia, pari al 48,7 percento del fatturato consolidato, hanno registrato, rispetto al 2016, un andamento molto positivo registrando una crescita del 20,7 percento a 152,1 milioni di euro, grazie alla crescita organica sia del canale wholesale, sia del canale retail.

A tassi di cambio costanti, nel 2017 le vendite in Europa, con un’incidenza sul fatturato del 21,7 percento hanno riportato una progressione dello 13,6 percento trainata in particolare dal buon andamento di Inghilterra, Germania e Francia.

Il mercato russo, pari al 2,9 percento del fatturato consolidato, ha riportato un trend costante rispetto allo scorso esercizio e ha mostrato segnali di recupero nell’ultimo trimestre dell’anno.

Le vendite negli Stati Uniti, con un’incidenza sul fatturato del 6 percento, hanno registrato una diminuzione pari al 17,5 percento a tassi di cambio costanti.

Nel Resto del mondo, il gruppo ha conseguito ricavi per 65,0 milioni di euro, con un’incidenza sul fatturato del 20,8 percento, in aumento del 3,7 percento a cambi costanti rispetto al 2016, grazie all'andamento dell’area della Greater China, che è cresciuta del 16,5 percento.

Foto: Alberta Ferretti website