• Home
  • News
  • Business
  • Assolombarda: in calo del 45 per cento l'attività produttiva nel Q1

Business

Assolombarda: in calo del 45 per cento l'attività produttiva nel Q1

Scritto da Isabella Naef

20 mag 2020

In totale, nel primo trimestre 2020, è calata del 45 per cento l’attività produttiva e sono diminuite dello 0,4 per cento le aziende totali attive.

Questi i dati del Centro studi di Assolombarda, l’Associazione delle imprese che operano nella città metropolitana di Milano e nelle province di Lodi, Monza e Brianza che ttutela gli interessi di circa 6.300 imprese e conta più di 382.000 addetti, pubblicati sul proprio web magazine Genio e Impresa.

Nel Q 1 sono diminuite le aziende totali attive: -1,7 per cento solo nel settore manufatturiero

Nel dettaglio, nel primo trimestre 2020 è risultata in calo del 45 per cento l’attività produttiva e sono diminuite le aziende totali attive, -1,7 per cento solo nel settore manufatturiero. Come si evince dai dati di Assolombarda, inoltre, è precipitato anche il clima di fiducia nel manifatturiero che nel Nord Ovest è sceso al -20 per cento, con livelli simili alla crisi del 2008.

Insomma, un trimestre nero per le aziende lombarde costrette a far fronte alle dure conseguenze della pandemia: nella regione il numero di aziende attive è diminuito dello 0,4 per cento, il doppio rispetto al 2019 quando il calo era stato dello 0,2 per cento, evidenzia il Booklet economia del Centro studi Assolombarda.

I dati dello studio hanno certificato gli effetti devastanti del lockdown che negli ultimi mesi ha bloccato l’economia della Regione, mettendo a rischio la sopravvivenza e i posti di lavoro di centinaia di imprese lombarde e hanno sottolineato come a pagare il prezzo più alto sia il comparto manifatturiero.

Il numero di imprese attive in questo settore ha segnato, infatti, una contrazione dell’1,7 per cento nei primi tre mesi dell’anno. Si tratta della diminuzione più importante fra le regioni benchmark a maggiore industrializzazione, ma nemmeno i numeri provenienti dagli altri territori del Nord Italia sembrano essere confortanti: in Emilia Romagna la contrazione è stata del -1,6 per cento, in Piemonte del -1,5 per cento, mentre in Veneto del -1,2 per cento.

Guardando al confronto diretto con lo stesso mese del 2019, il Centro Studi Assolombarda ha stimato per aprile una caduta di almeno il 45 per cento dell’attività produttiva in Lombardia.

Foto: Pexels