Brunello Cucinelli: ricavi a +10,01 percento nel FY 2016

Ricavi netti a 456 milioni di euro, +10,1 percento a cambi correnti rispetto al 31 dicembre 2015 e utile netto normalizzato pari a 39,1 milioni di euro, +18,8 percento, per Brunello Cucinelli nel 2016.

“Il 2016 si è chiuso con dei risultati “molto molto positivi” sia in termini di fatturato, sia di profitti. Un altro anno fondamentale per l’immagine del nostro brand, nel quale abbiamo portato a compimento il nostro grande progetto “Artigiani umanisti del web” con l’avvio della nostra piattaforma di ecommerce. Una filosofia d’impresa che ha proseguito nel dare i suoi risultati, concreti e costanti e spero soddisfi tutti coloro che hanno voluto affiancarci investendo nella nostra industria", ha detto commentando i dati Brunello Cucinelli, presidente e amministratore delegato.

“Le vendite della collezione primavera estate 2017 stanno andando veramente bene e avendo ormai completato la campagna vendite autunno inverno 2017 con degli “ottimi risultati”, possiamo affermare con un buon grado di certezza che anche quello che stiamo vivendo dovrebbe essere un anno di crescita con un incremento a doppia cifra sia dei ricavi, sia delle marginalità", ha aggiunto il fondatore del marchio del cachemire.

Brunello Cucinelli: nel 2016 abbiamo avviato la nostra piattaforma di ecommerce

Stando ai dati, le vendite sono aumentate in tutti i canali distributivi, monomarca e multimarca, e in tutte le aree geografiche, sia nelle più importanti vie del lusso, sia nelle prestigiose località resort dove il brand è presente, ha spiegato il management in un comunicato stampa diffuso ieri in serata.

"I risultati dei sell-out di vendita del 2016 sono molto molto positivi, confermando le aspettative di un’offerta di prêt-à-porter contemporaneo, attorno al quale negli anni è stato costruito un “lifestyle di Ready to Wear”", si legge nella nota.

Il mercato italiano ha registrato un incremento del 7,3 percento, con un fatturato che ha raggiunto 76,2 milioni di euro, rispetto ai 71,0 milioni al 31 dicembre 2015 (incidenza del 17,1 percento).

Il mercato europeo ha segnato un aumento del 5,8 percento delle vendite, che hanno raggiunto i 136,4 milioni, rispetto ai 129,0 milioni al 31 dicembre 2015, con un peso relativo del 29,9 percento (31,2 percento il peso al 31 dicembre 2015).

Nel mercato nordamericano, la crescita è stata pari al +7,1 percento, con ricavi che hanno raggiunto i 167,7 milioni rispetto ai 156,6 milioni al 31 dicembre 2015, con un peso sul totale del 36,8 percento (37,8 percento l’incidenza al 31 dicembre 2015).

In Greater China le vendite hanno segnato un +21,8 percento delle vendite, che hanno raggiunto i 31,3 milioni rispetto ai 25,7 milioni dello scorso anno, con un peso “limitato” al 6,9 percento dei ricavi (incidenza del 6,2 percento al 31 dicembre 2015).

Il canale monomarca retail è risultato in crescita del 17,1 percento, con vendite che hanno raggiunto i 226,2 milioni di euro, rispetto ai 193,2 milioni di euro al 31 dicembre 2015. Il canale multimarca wholesale ha registrato un aumento delle vendite del 4,3 percento, con ricavi che hanno raggiunti i 195,6 milioni (42,9 percento il peso sul fatturato totale), rispetto ai 187,6 milioni dello scorso anno (45,3 percento il peso relativo).

Foto: Brunello Cucinelli press office
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO