Brunello Cucinelli: ricavi a quota 148 milioni nel trimestre

Ricavi netti a quota 148,3 milioni, +9,1 percento a cambi correnti, ossia +12,2 percento a cambi costanti, rispetto ai 136,0 milioni al 31 marzo 2017, nel primo trimestre del 2018 per Brunello Cucinelli.

L'azienda umbra ha registrato un incremento delle vendite sia nei mercati internazionali, pari al +10,2 percento, sia nel mercato italiano, che è risultato in crescita del +4,4 percento.

Il mercato italiano ha messo a segno un fatturato in aumento del +4,4 percento

“Siamo molto molto soddisfatti del lavoro in questa prima parte dell’anno, visti i sell out in corso della primavera estate 2018, in considerazione dell’ottima campagna vendite autunno inverno 2018 e analizzano l’alta qualità delle vendite, siamo a confermarvi le nostre attese per un anno in crescita a due cifre sia del fatturato che dei profitti", ha detto, in una nota, Brunello Cucinelli, presidente e amministratore delegato dell'azienda.

"Grazie di cuore a tutti i nostri dipendenti che con il loro operato ci aiutano a mettere in pratica quella tanto desiderata volontà di lavorare e vivere nel rispetto dell’”umana riservatezza”. La riservatezza tutela la nostra intimità; abbiamo bisogno di una riservatezza giusta, che armonizzi la nostra parte pubblica con quella privata e insieme giovino al nostro benessere”, ha aggiunto Cucinelli.

"Tutte le aree geografiche evidenziano sell-out delle collezioni estive molto interessanti: dopo gli ottimi apprezzamenti che avevamo ricevuto già in fase di presentazione dalla stampa internazionale specializzata e dai buyer dei più prestigiosi department stores al mondo, abbiamo incontrato il giudizio di grandissimo apprezzamento da parte dei clienti finali, che riteniamo sia sempre insindacabile e rappresenti le fondamenta per il mantenimento dell'allure del brand", ha osservato Cucinelli.

Nel dettaglio, il mercato italiano ha messo a segno un fatturato in aumento del +4,4 percento rispetto ai dati dello scorso anno; i ricavi sono pari a 27,2 milioni di euro, rispetto ai 26,1 milioni al 31 marzo 2017, con un’incidenza del 18,4 percento sul totale.

In Europa l'incremento è stato pari al +14,9 percento delle vendite, che hanno raggiunto i 48,0 milioni di euro rispetto ai 41,7 milioni al 31 marzo 2017, con un peso relativo del 32,3 percento.

Tutti i paesi del mercato europeo hanno riportato andamenti delle vendite molto solidi, così come tutti i canali delle vendite, retail, monomarca wholesale e multimarca wholesale.

Il mercato Nordamericano ha registrato vendite pari a 42,5 milioni di euro, in aumento del +2,2 percento a cambi correnti rispetto ai 41,6 milioni al 31 marzo 2017, con un’incidenza del 28,6 percento.

Il 2017 si è chiuso a quota 47,6 milioni di euro di utile di esercizio.

Di questi, 18,3 milioni sono stati distribuiti come dividendo a 0,27 euro per azione, corrispondente a un pay-out del 35,9 percento del risultato di gruppo. Lo stacco della cedola numero sei è in agenda il 21 maggio con pagamento il 23 maggio. I restanti 29,2 milioni sono stati accantonati come riserva di utili.

La Brunello Cucinelli è stata fondata nel 1978 dall’omonimo stilista e imprenditore.

Foto: Brunello Cucinelli, credit Brunello Cucinelli press office