• Home
  • News
  • Business
  • Brunello Cucinelli: ricavi netti a +20 per cento nel primo trimestre

Brunello Cucinelli: ricavi netti a +20 per cento nel primo trimestre

Scritto da FashionUnited

14 apr 2022

Business

Brunello Cucinelli website
Ricavi netti pari a 196,9 milioni di euro, in crescita del +19,6 per cento a cambi correnti (+16,7 per cento a cambi costanti) rispetto al primo trimestre 2021 per Brunello Cucinelli nel primo trimestre 2022.

“Questo primo trimestre del 2022 si è chiuso con dei risultati particolarmente positivi, e ci sembra che il brand stia vivendo un momento di grande positività a livello mondiale. Gli ottimi sell out di primavera e l’importantissima raccolta ordini per le collezioni uomo–donna autunno-inverno 2022 ci portano a credere nella conferma della nostra idea di crescita del fatturato per l’intero anno intorno al 12 per cento", ha spiegato, in una nota, Brunello Cucinelli, presidente esecutivo e direttore creativo della casa di moda.

Ieri, il consiglio di amministrazione di Brunello Cucinelli, ha esaminato il fatturato del primo trimestre 2022.

In crescita entrambi i canali di vendita retail e wholesale, con mix canale molto vicino alla parità, che tenderà a fine anno al 60 per cento circa per il canale retail e al 40 per cento per il canale wholesale, come lo scorso anno.

Per quanto riguarda le singole aree geografiche, in Europa i ricavi sono stati pari a 58,3 milioni di euro, in crescita del +14,5 per cento rispetto al primo trimestre del 2021, con un peso pari al 29,5 per cento.

In Italia le vendite sono state pari a 24,2 milioni, con un incremento del +2,8 per cento rispetto al primo trimestre 2021, e un peso relativo del 12,3 per cento.

Nelle Americhe i ricavi hanno raggiunto i 66,9 milioni di euro, in aumento del +37,7 per cento rispetto al primo trimestre 2021, con un peso sulle vendite pari al 34 per cento. In Asia il fatturato è stato pari a 47,6 milioni, in rialzo del +14,5 per cento rispetto ai primi 3 mesi del 2021, con un peso delle vendite pari al 24,2 per cento.

Lo scorso 14 marzo l'azienda ha dato il via all’acquisizione del 43 per cento del Lanificio Cariaggi Cashmere, storico fornitore di cashmere con sede nel medievale Borgo di Cagli. "Con grande senso di gratitudine annunciamo che la nostra azienda ha acquistato il 43 per cento di Cariaggi Lanificio spa, di Cagli. Ho avuto la possibilità di iniziare la mia impresa nel cashmere grazie all’umana fiducia che hanno riposto in me le Famiglie Cariaggi e Caprai. Per questo, grazie di cuore. Ho sempre pensato che la Cariaggi rappresentasse forse uno dei gioielli manifatturieri italiani con prodotti di grande qualità e artigianalità e non vi è dubbio che va annoverata forse tra le prime industrie del settore al mondo, se non la prima e rappresenta qualcosa di importante per il nostro territorio e la sua cultura", ha sottolineato, nella nota, Brunello Cucinelli.

Brunello Cucinelli
lanificio cariaggi cashmere