Custo Barcelona: l'era Velmar punta su giovani ed ecommerce

Ecommerce, distribuzione wholesale e progetti di co-branding: si declina anche così il rilancio del marchio Custo Barcelona a opera di Velmar spa. Per griffe, infatti, è appena iniziato un percorso di rinascita che parte dai giovani. "Abbiamo un team creativo di giovani e nella fase di rilancio di questo marchio stiamo dando ampio spazio a una clientela giovane", ha raccontato a FashionUnited, Luca Gori, a capo di Velmar, società italiana specializzata nella gestione delle licenze del ready to wear, swim wear e intimo, che fa interamente capo ad Aeffe Group.

Nel dettaglio, Velmar ha siglato un accordo di master license a partire dalla stagione primavera estate 2020 con Custo Barcelona, con l’obiettivo di rilanciare il brand e di svilupparlo su scala mondiale. E proprio durante la Milano fashion week dello scorso settembre, il brand ha presentato la sua nuova collezione, Wet paint Milano, nel nuovo showroom temporaneo di Porta Nuova.

L'ecommerce, con il lancio di una piattaforma a partire dal 2020, è nei piani dell'azienda.

"Ora stiamo lavorando sull'autunno inverno 2021 e su una capsule di soli piumini che sarà presentata a novembre e che, in linea con i codici del brand, sarà colorata e impreziosita da stampe e applicazioni. L'idea è di rendere contemporary un marchio che ha avuto un enorme successo negli anni '90, parlo, per esempio, della maglieria stampata che tutti abbiamo visto nei film, da Sex and the city a Friends. Abbiamo deciso di declinare le stampe sulle felpe, in modo da poterci rivolgere a un pubblico giovane", ha aggiunto il general manager di Velmar, azienda nel cui portfolio figurano le collezioni underwear and swimwear di Moschino, il prêt-à-porter firmato Blugirl Folies.

I prezzi della collezione Custo vanno dai 290 euro di un capo spalla basico per la donna, ai 1000 euro, le t-shirt partono da 85 euro e arrivano a 300 euro. "La fascia di prezzo è medio alta", ha spiegato Gori.

L'ecommerce, con il lancio di una piattaforma a partire dal 2020, è nei piani dell'azienda. "A livello distributivo abbiamo ripreso il wholesale che i fratelli Dalmau avevano abbandonato, abbiamo preso contatto anche con i franchisee", ha detto Gori.

Non è escluso, quindi, che nei prossimi mesi ci siano nuove aperture che andranno ad affiancarsi ai cinque punti vendita presenti in Spagna e in Costa Azzurra. I mercati su cui il marchio punterà sono Italia, Usa ed Europa e, dal 2020, Medio Oriente, Cina e Sud America. Per l'anno prossimo è in agenda un restyling delle insegne di Madrid, Barcellona e Costa Azzurra, oltre al varo del progetto franchising.

Custo Barcelona: l'era Velmar punta su giovani ed ecommerce

Dal punto di vista creativo, inoltre, Custo punterà anche a progetti di co-branding e di valorizzazione del pubblico giovane, target su cui la griffe ha cominciato a investire. "Le nuove generazioni, millennial e generazione Z, ameranno scoprire la carica propulsiva di Custo Barcelona, mentre gli affezionati del marchio potranno ritrovare la sua creatività in una capsule dedicata (Heritage) all’interno della collezione che cambierà di stagione in stagione. Per questo primo lancio, in particolare, il pacchetto Heritage si compone di un’edizione speciale di maglieria con le stampe icona che hanno reso il marchio famoso in tutto il mondo», ha continuato Gori.

Il brand, nato in California nel 1981 con una proposta di sole t-shirt ispirate al mondo dei surfisti. "La creatività dei fratelli Dalmau ha anticipato molte tendenze, mantenendo sempre il suo tratto originale e autentico. L'unione di queste caratteristiche con la capacità di Velmar di interpretare e tradurre la forte identità della fashion house, unitamente all’esperienza in ambito produttivo e distributivo, crea delle ottime basi per un progetto di sviluppo globale", ha sottolineato Gori.

Nel dettaglio, l’accordo di licenza tra Velmar e Custo Barcelona ha come obiettivo lo sviluppo del marchio spagnolo su scala mondiale. Velmar, che si occuperà della creazione, produzione e distribuzione delle collezioni di abbigliamento donna, uomo, swimwear, underwear, accessori, pelletteria e calzature, ha creato a Rimini una task force interamente dedicata che, in tandem con l’ufficio creativo di Barcellona, guiderà la crescita del marchio. In questo contesto, Custo Dalmau, che insieme al fratello David ha fondato il marchio, mantiene il ruolo di direttore artistico.

Foto: Luca Gori e Custo Dalmau, dall'ufficio stampa Velmar

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO