Essilor Luxottica debutta a Parigi

Da questa mattina le azioni del nuovo gruppo nato dal matrimonio tra Luxottica e la francese Essilor sono scambiate sul mercato di Parigi, in tarda mattinata il guadagno è pari al 2,23 per cento, a quota 110,20 euro.

Si è tenuta a Parigi questa mattina anche la prima assemblea del nuovo colosso dell'occhialeria. L'azienda ha comunicato ufficialmente che sarà impegnata nella ricerca del nuovo amministratore delegato a partire dal 2019.

L'uscita da Piazza Affari di Luxottica è in agenda nel primo trimestre 2019

L'uscita da Piazza Affari è prevista entro il primo trimestre del 2019, come sottolineato da Hilary Harper, co-cfo di Essilor Luxottica. Questa mattina, durante la prima assemblea degli azionisti di Essilor Luxottica, il management ha anche comunicato ai soci i risultati dell’offerta pubblica di scambio che si è conclusa ieri, 28 novembre. Il gruppo dell’occhialeria nato sull’asse italo-francese ha raggiunto il 93,3 per cento del capitale di Luxottica, prendendo in considerazione anche le azioni in mano a Delfin.

Essilor Luxottica avrà l'obbligo di acquisto sui residui 32 milioni di azioni Luxottica non apportate all'offerta con modalità e tempi che saranno comunicati entro il 4 . dicembre.

Con ricavi aggregati di oltre 15 miliardi di euro, circa 140.000 dipendenti e vendite in oltre 150 paesi, la nuova realtà rappresenta una piattaforma di crescita posizionata per cogliere opportunità future. Il 16 gennaio del 2017, giorno dell'annuncio della fusione, Hubert Sagnières, attuale vice presidente di Essilor Luxottica, commentò: “il nostro progetto si basa su una motivazione semplice: rispondere meglio ai bisogni di un’immensa popolazione mondiale relativi alla correzione e alla protezione della vista, unendo due grandi società, una dedicata alle lenti e l’altra alle montature. Con straordinario successo, Luxottica ha creato marchi prestigiosi, supportati da una catena di approvvigionamento e da una rete distributiva all’avanguardia nel settore. Essilor porta 168 anni di innovazione ed eccellenza industriale nella progettazione, fabbricazione e distribuzione di lenti oftalmiche e da sole. Unendo oggi le loro forze, questi due player internazionali possono adesso accelerare la loro espansione globale, a beneficio di clienti, dipendenti e azionisti, e dell’intero settore".

"Con questa operazione si concretizza il mio sogno di dare vita a un campione nel settore dell'ottica totalmente integrato ed eccellente in ogni sua parte. Sapevamo da tempo che questa era la soluzione giusta ma solo ora sono maturate le condizioni che l'hanno resa possibile. Il matrimonio tra due aziende leader nei rispettivi settori porterà grandi vantaggi per il mercato, per i dipendenti e principalmente per tutti i nostri consumatori. Finalmente, dopo cinquanta anni di attesa, due parti naturalmente complementari, montature e lenti, verranno progettate, realizzate e distribuite sotto lo stesso tetto”, disse Leonardo Del Vecchio, presidente di Delfin e attuale presidente di EssilorLuxottica.

Dalla nascita nel 1961, Luxottica ha costruito un portafoglio di marchi eyewear di proprietà, tra cui Ray-Ban e Oakley, e in licenza. Luxottica opera attraverso una rete distributiva retail e wholesale sia nei Paesi sviluppati sia in quelli emergenti e con piattaforme innovative di ecommerce che raggiungono una nuova generazione di consumatori digitali.

Essilor è pioniere nel fornire soluzioni innovative per le lenti oftalmiche e nel creare marchi riconosciuti a livello internazionale (Varilux, Crizal, Transitions) offrendo soluzioni correttive su misura per tutte le necessità.

Foto: A sinistra Hubert Sagnières a destra Leonardo Del Vecchio
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO