• Home
  • News
  • Business
  • Etsy compra la startup italiana Depop per 1,63 miliardi

Etsy compra la startup italiana Depop per 1,63 miliardi

Scritto da FashionUnited

2 giu 2021

Business

Foto: Depop

Etsy, colosso dell'ecommerce statunitense specializzato in beni fatti a mano e vintage, ha annunciato l'acquisizione del marketplace della moda di seconda mano Depop per 1,63 miliardi di dollari. Si tratta di una startup fondata nel 2011 dall'imprenditore italiano Simon Beckerman nell'incubatore di startup H-Farm di Treviso. L'acquisizione, come ha spiegato l'azienda americana con sede a Brooklyn, sarà perfezionata entro il terzo trimestre del 2021.

Dopo l'acquisizione Depop continuerà ad avere sede a Londra e opererà come un marketplace autonomo

Grazie a questa acquisizione Depop diventa il secondo unicorno italiano. Unicorno è il termine che nel settore del venture capital, si riferisce a startup che raggiungono la valutazione di 1 miliardo di dollari. L'operazione ha preso corpo durante la pandemia che ha accelerato il mercato online, anche della moda.

La cifra è giustificata dai dati della piattaforma: secondo quelli comunicati da H-Farm (che dall'exit ha generato un incasso di circa 6 milioni, 15,5 volte rispetto all'investimento iniziale) Depop oggi conta 30 milioni di utenti distribuiti in più di 150 paesi al mondo, dove ogni mezzo secondo viene caricato un prodotto e ogni 3 secondi viene venduto un capo di moda.

Circa il 90 per cento degli utenti attivi di Depop, con sede a Londra, hanno meno di 26 anni: si tratta di un gruppo di persone di età maggiormente sensibili nei confronti dell'ambiente che sta guidando l'ampio mercato dell'usato e del vintage.

Dopo l'acquisizione Depop continuerà ad avere sede a Londra e opererà come un marketplace autonomo gestito dal suo attuale team di leadership. "Siamo semplicemente entusiasti di aggiungere Depop, quello che crediamo essere il brand di "rivendita" per i consumatori della Gen Z, alla famiglia Etsy", ha detto il ceo di Etsy, Josh Silverman in una nota. "Depop ha un'offerta altamente differenziata di oggetti unici, e crediamo un potenziale significativo per crescere ulteriormente".

Qualche giorno fa Benetton e Depop hanno annunciato una collaborazione che consentirà ai clienti dell'azienda veneta di acquistare abiti usati. I venditori Depop di Stati Uniti e Regno Unito hanno curato una collezione di pezzi rari e vintage del marchio, che sono disponibili a partire dal 31 maggio.

“La collaborazione con Benetton conferma la nostra intenzione di lavorare con brand basati su un forte senso di comunità e che condividono i nostri valori”, ha affermato Steve Dool, global head of brand partnerships di Depop. “Nel tempo, Benetton si è conquistato la reputazione di brand che sfida lo status quo e promuove l'inclusione nelle sue campagne creative. Questo lo collega direttamente al punto di vista di Depop. Attraverso questa partnership, non stiamo solo coinvolgendo la nostra community di venditori per aiutare a prolungare la vita di alcuni dei capi più ambiti di Benetton, stiamo anche lavorando insieme per incoraggiare, amplificare e sostenere la creatività e l’espressione del sé”.