Fatturato della tessitura italiana a oltre 8 miliardi di euro

Nel 2014 il fatturato complessivo della tessitura italiana è risultato pari a oltre 8 miliardi di euro (+3,8 percento rispetto al 2013). La bilancia commerciale del comparto resta in attivo per oltre 2,3 miliardi di euro. Questi i dati diffusi ieri da Smi in occasione dell'apertura di Milano Unica, kermesse in agenda a FieraMilanocity fino al 6 febbraio.

Dopo un biennio in terreno negativo, nel 2014 la tessitura made in Italy, accezione che comprende tessitura laniera, cotoniera, liniera, serica e a maglia, ha messo a segno un’inversione di tendenza, ha quindi sottolineato Smi in una nota.

A Milano Unica saranno presenti 353 aziende espositrici

Fatturato della tessitura italiana a oltre 8 miliardi di euro

Numeri alla mano, la tessitura ha concorso al 15,3 percento del fatturato complessivamente generato dalla filiera tessile-moda, sostanzialmente in linea con quanto rilevato nel 2013 (15,5 percento). Comparto preponderante si conferma la tessitura laniera, che copre il 37,2 percento del giro d’affari settoriale, seguita dalla tessitura cotoniera, con una quota del 21,5 percento e dalla tessitura a maglia, con un’incidenza del 19,9 percento.

“Lo scenario del 2014 negli ultimi mesi è in parte mutato. Alcune nuvole economiche e geopolitiche sono comparse all'orizzonte: la crisi in Russia e in Ucraina, la pesantissima svalutazione del rub lo, la difficile situazione in Nord Africa, in Medio Oriente che tocca anche la Turchia, in Cina, a Hong Kong e a Macau, i riflessi profondi della politica di austerità del governo cinese. Brasile e America del Sud in forte rallentamento. Questi avvenimenti ci preoccupano, così come preoccupano i nostri clienti", ha detto Silvio Albini, presidente di Milano Unica.

In controtendenza rispetto al dato medio, la tessitura cotoniera che ha registrato una variazione negativa; sia la tessitura laniera sia la tessi tura liniera hanno invece abbandonato il trend riflessivo. Infine, sia la tessitura a maglia, sia la tessitura serica hanno messo a segno un’accelerazione rispetto al risultato del 2013.

Alla ventesima edizione della kermesse dedicata agli operatori del settore saranno presentate le collezioni di tessuti per la stagione primavera estate 2016. Presenti 353 aziende espositrici, di cui 64 di altri Paesi europei, a cui si aggiungono 34 aziende presenti nell’Osservatorio Giappone.

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO