• Home
  • News
  • Business
  • Il 28 per cento dei clienti Usa utilizza smartphone per migliorare l'acquisto in negozio

Il 28 per cento dei clienti Usa utilizza smartphone per migliorare l'acquisto in negozio

Scritto da Isabella Naef

19 apr 2022

Business

Karolina Grabowska
La pandemia da Covid-19 ha sicuramente dato una enorme spinta all'ecommerce e ha innescato un processo da cui non è possibile tornare indietro. Tant'è che le strategie digital delle aziende europee e italiane, anche quelle fino a ora meno attente sul fronte dell'ecommerce, prevedono investimenti crescenti e sforzi sensibili lato customer experience. I consumatori americani fanno, come spesso accade, da apri pista. Secondo i risultati del "2022 Global Digital Shopping Playbook", una collaborazione tra Pymnts e Cybersource che analizza le risposte ai sondaggi di 3.100 aziende e oltre 13.000 consumatori di sei paesi, il cross-channel è chiaramente d'obbligo per i commercianti che cercano di soddisfare le richieste dei clienti. Presso i consumatori statunitensi, che da anni utilizzano l'ecommerce quattro volte di più dei loro colleghi di tutto il mondo, lo shopping da mobile, il cross-channel, il ritiro a domicilio e la navigazione in-store, guidano le vendite al dettaglio.

I retailer hanno bisogno di creare esperienze di acquisto senza soluzione di continuità dal digitale al negozio

Numeri alla mano, il 65 per cento dei commercianti statunitensi consentono ai clienti di creare profili digitali compatibili con i "canali incrociati"; il 28 per cento dei clienti americani usano gli smartphone per migliorare le loro esperienze di acquisto in negozio; mentre l'11 per cento dei consumatori statunitensi hanno ritirato i loro ultimi acquisti in negozio.

Nel dettaglio, sono 5,5 milioni, pari al 47 per cento, i clienti statunitensi che a volte, spesso o sempre, comprano articoli extra quando ritirano gli ordini online nei negozi fisici, dando ai commercianti un'opportunità di entrate aggiuntive. Percentuale che scende al 28 per cento se si parla di consumatori fuori dagli Stati Uniti.

Quando si tratta di acquisti assistiti da dispositivi mobili, gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto alle altre nazioni. Il 47 per cento dei consumatori brasiliani usa gli smartphone mentre fa acquisti nei negozi, un numero che sale al 59 per cento negli Emirati Arabi Uniti. Solo il Regno Unito è inferiore agli Stati Uniti con il 24 per cento dei consumatori.

Secondo Pymnts i clienti che usano gli smartphone nei negozi tendono a cercare risparmio o ispirazioni per le cose che vogliono ma che non hanno necessariamente cercato fin dall'inizio dello shopping.

Questi dati suggeriscono che i rivenditori le cui app mobili, siti web e negozi fisici sono ottimizzati per questa esperienza d'acquisto misto possono vendere più prodotti di quelli che vengono ordinati da principio.

In particolare, il 12 per cento dei consumatori statunitensi che usa gli smartphone mentre fa acquisti in negozio cerca coupon e sconti per gli articoli sulla loro lista della spesa, mentre il 9 per cento confronta i prezzi tra i commercianti e il 10 per cento controlla le informazioni sui prodotti o le recensioni.

I commercianti hanno chiaramente bisogno di creare esperienze di acquisto senza soluzione di continuità dal digitale al negozio, dato che il comportamento dei consumatori si sta orientando verso questa forma di shopping. Per ottimizzare i ricavi, quindi, i negozi devono elevare l'esperienza.

digital store
ECOMMERCE
Shopping