• Home
  • News
  • Business
  • Il fondatore di Patagonia cede l'azienda per salvare il pianeta

Il fondatore di Patagonia cede l'azienda per salvare il pianeta

Scritto da Isabella Naef

15 set 2022

Business

Il fondatore di Patagonia Yvon Chouinard. Foto: Campbell Brewer
Patagonia, fondata da Yvon Chouinard nel 1973, è stata ceduta trasferendo le azioni, valutate circa 3 miliardi di dollari, a un fondo ad hoc e a un'organizzazione no-profit.

L'83enne proprietario, leggenda dell'alpinismo americano Yvon Chouinard, e la sua famiglia hanno ceduto l'azienda al fondo e all'organizzazione create per preservare l'indipendenza della compagnia e garantire che tutti i suoi profitti, circa 100 milioni l'anno, siano usati per combattere il cambiamento climatico e proteggere le terre non sviluppate nel mondo.

Il fondo è il Patagonia purpose trust; il 100 per cento delle azioni senza diritto di voto va all'Holdfast collective

Il fondo è il Patagonia Purpose Trust, creato per proteggere i valori dell'azienda; e il 100 per cento delle azioni senza diritto di voto è stato dato all'Holdfast Collective, un'organizzazione no-profit dedicata alla lotta contro la crisi ambientale e alla difesa della natura.

Ad annunciarlo lo stesso Chouinard sull'home page del sito dell'azienda

"La Terra è ormai il nostro unico azionista. Se abbiamo una speranza di avere un pianeta prospero, e ancor meno un'azienda, è necessario che tutti noi facciamo ciò che possiamo con le risorse che abbiamo. Questo è ciò che possiamo fare", scrive Chouinard.

"Non ho mai voluto essere un uomo d'affari. Ho iniziato come artigiano, producendo attrezzatura per l'arrampicata per i miei amici e per me stesso, poi sono passato all'abbigliamento. Quando abbiamo iniziato a constatare l'entità del riscaldamento globale e della distruzione ecologica, e il nostro contributo a questo fenomeno, Patagonia si è impegnata a utilizzare la nostra azienda per cambiare il modo di fare business. Se fossimo riusciti a fare la cosa giusta, guadagnando abbastanza per pagare le bollette, avremmo potuto influenzare i clienti e le altre aziende e forse cambiare il sistema", aggiunge il fondatore di Patagonia.

Chouinard: "la Terra è ormai il nostro unico azionista"

"Abbiamo iniziato con i nostri prodotti, utilizzando materiali meno dannosi per l'ambiente. Abbiamo donato l'1 per cento delle vendite ogni anno. Siamo diventati una B Corp certificata e una benefit corporation californiana, scrivendo i nostri valori nel nostro statuto aziendale in modo da preservarli. Più recentemente, nel 2018, abbiamo cambiato lo scopo dell'azienda in: Siamo in affari per salvare il nostro pianeta.

Anche se stiamo facendo del nostro meglio per affrontare la crisi ambientale, non è sufficiente. Dobbiamo trovare un modo per destinare più denaro alla lotta contro la crisi, mantenendo intatti i valori dell'azienda", si legge nella lettera pubblicata sul sito.

"A dire il vero, non c'erano opzioni valide disponibili. Così ne abbiamo create di nostre. Un'opzione era quella di vendere Patagonia e donare tutto il denaro. Ma non potevamo essere sicuri che un nuovo proprietario avrebbe mantenuto i nostri valori o che avrebbe dato lavoro al nostro team di persone in tutto il mondo.

"Un'altra strada era quella di quotarsi in borsa. Che disastro sarebbe stato", dice il fondatore di Patagonia

Un'altra strada era quella di quotarsi in borsa. Che disastro sarebbe stato. Anche le aziende pubbliche con buone intenzioni sono sottoposte a troppe pressioni per creare guadagni a breve termine a scapito della vitalità e della responsabilità a lungo termine.

"A dire il vero, non c'erano opzioni valide disponibili. Così abbiamo creato la nostra. Invece di diventare pubblici, potremmo dire che stiamo diventando un obiettivo. Invece di estrarre valore dalla natura e trasformarlo in ricchezza per gli investitori, useremo la ricchezza che Patagonia crea per proteggere la fonte di ogni ricchezza", prosegue il fondatore di Patagonia.

Ecco come funziona: il 100 per cento delle azioni con diritto di voto dell'azienda viene trasferito al Patagonia purpose trust, creato per proteggere i valori dell'azienda; e il 100 per cento delle azioni senza diritto di voto è stato dato all'Holdfast collective, un'organizzazione no-profit dedicata alla lotta contro la crisi ambientale e alla difesa della natura. Il finanziamento arriverà da Patagonia: ogni anno, il denaro guadagnato dopo aver reinvestito nell'azienda sarà distribuito come dividendo per contribuire alla lotta contro la crisi.

Sono passati quasi 50 anni da quando abbiamo iniziato il nostro esperimento di business responsabile, e siamo solo all'inizio. Se vogliamo sperare in un pianeta prospero, e ancor meno in un'azienda prospera tra 50 anni, è necessario che tutti noi facciamo il possibile con le risorse che abbiamo. Questo è un altro modo che abbiamo trovato per fare la nostra parte. Nonostante la sua immensità, le risorse della Terra non sono infinite ed è chiaro che abbiamo superato i suoi limiti. Ma è anche resistente. Se ci impegniamo, possiamo salvare il nostro pianeta", conclude Chouinard.

ambiente
PATAGONIA
Sostenibilita
Yvon Chouinard