• Home
  • News
  • Business
  • Il Tribunale di Brescia respinge ricorso della famiglia Corneliani

Business

Il Tribunale di Brescia respinge ricorso della famiglia Corneliani

Scritto da Scritto da Isabella Naef
23 gen 2020

Il Tribunale di Brescia ha respinto il ricorso presentato dalla famiglia Corneliani contro gli amministratori nominati dal fondo Investcorp (che controlla oltre il 51 per cento dell'azienda dopo che nel 2016 una parte della famiglia stessa ha venduto le proprie quote al fondo) e ha la gestione del gruppo di abbigliamento maschile di lusso con quartier generale a Mantova. La querelle tra i due azionisti del marchio è arrivata in tribunale alla fine dello scorso anno.

Il giudice ha ritenuto il ricorso della famiglia, presentato lo scorso dicembre ai sensi dell'art.2409 del codice civile,"inattuale"

Il giudice ha ritenuto il ricorso della famiglia, presentato lo scorso dicembre ai sensi dell'art.2409 del codice civile, "inattuale". Per il Tribunale non sarebbe praticabile l'intervento giudiziario visto che le irregolarità gestionali denunciate dalla famiglia Corneliani sono state segnalate agli organi della società "da oltre un anno", oltre al fatto che si sarebbe già "consumata" la loro "potenzialità lesiva".

"Un’iniziativa a tutela della società e non contro di essa, che la famiglia, suo malgrado e responsabilmente, si è vista costretta a compiere nei confronti degli amministratori nominati da Investcorp per denunciare e auspicabilmente rimuovere una situazione di grave irregolarità gestionale". Così, lo scorso dicembre, la famiglia Corneliani aveva deciso di spiegare le ragioni della battaglia giudiziaria avviata nei confronti del socio di maggioranza Investcorp, con un ricorso presentato il 4 dicembre al Tribunale di Brescia ai sensi dell’articolo 2409 del codice civile.

"Dopo aver ricevuto il controllo di un’azienda sana, Investcorp ne ha gravemente pregiudicato il valore negli ultimi tre anni; dopo essersi impegnato a investire nell’azienda 20 milioni di euro, Investcorp ne ha versati solo una minima parte e tuttora, nonostante le sue responsabilità e le gravi conseguenze subìte dall’azienda e da tutti gli stakeholder, non mostra disponibilità a onorare fino in fondo e in tempi rapidi il proprio impegno", affermavano, attraverso una nota, Cristiano, Corrado e Stefano Corneliani.

Lo scorso dicembre Giorgio Brandazza è stato nominato nuovo amministratore delegato di Corneliani.

Il manager, che in passato ha lavorato presso Calvin Klein jeanswear e Boglioli, è stato anche group managing director di Elie Saab. Brandazza, si legge nel comunicato con cui è stata annunciata la nomina, "ha maturato una solida esperienza nel settore, ricoprendo ruoli apicali in aziende di abbigliamento sia maschile, sia femminile tra cui il ruolo di chief operating officer di Calvin Klein Jeanswear, di responsabile dello sviluppo internazionale di Boggi, di group managing director di Elie Saab e di amministratore delegato di Boglioli. È senior professor della Scuola di management della Sda Bocconi e del master internazionale in Fashion, experience & design management (Mafed)".

Foto: Corneliani, dall'ufficio stampa