• Home
  • News
  • Business
  • Inditex ha quasi triplicato l'utile netto nel Fy 2021

Inditex ha quasi triplicato l'utile netto nel Fy 2021

Scritto da Isabella Naef

17 mar 2022

Business

Inditex media centre

Inditex ha quasi triplicato l'utile netto annuale nell'anno fiscale 2021 e le vendite hanno superato i livelli pre-pandemici.

Il gruppo, cui fanno capo i marchi Zara, Massimo Dutti e Pull & Bear, ha riportato un utile netto pari a 3,24 miliardi di euro nell'anno chiuso al 31 gennaio, con un aumento del 193 per cento rispetto all'anno precedente. Le vendite nette si sono attestate a 27,72 miliardi di euro, in crescita del 37 per cento in valuta costante rispetto al 2020 e del 3 per cento rispetto ai livelli pre-Covid 2019.

Il consiglio di amministrazione ha proposto un dividendo di 0,93 euro per azione

Le vendite online del gruppo sono aumentate del 14 per cento su base annua per raggiungere 7,5 miliardi di euro, e rappresentando il 25,5 per cento del totale delle vendite annuali. Entro il 2024, la società spagnolo prevede che le vendite online rappresentino più del 30 per cento delle vendite annuali.

Mentre l'azienda ha recuperato bene dalla pandemia durante l'anno, il quarto trimestre è stato impattato significativamente dalla diffusione della variante Omnicron, e dalle restrizioni nella maggior parte dei mercati tra cui Austria, Paesi Bassi, Germania, Giappone, Cina e Filippine.

Il management di Inditex ha sottolineato che questo improvviso calo delle vendite nei negozi ha generato un impatto una tantum di 400 milioni di euro nel quarto trimestre. La Russia e l'Ucraina hanno rappresentato circa il 5 per cento della sua crescita delle vendite nel periodo.

All'inizio di questo mese, Inditex ha annunciato che avrebbe chiuso tutti i suoi 502 negozi in Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte del paese. "La leadership dimostrata dall'azienda per quanto riguarda la sua trasformazione digitale in tutti questi anni ci pone in una posizione impareggiabile per offrire un livello eccezionale di impegno con la nostra moda di qualità e sostenibile", ha sottolineato l'amministratore delegato del gruppo, Óscar García Maceiras.

Inditex ha aperto 226 negozi in 40 mercati durante l'anno

Il consiglio di amministrazione chiederà agli azionisti della società di approvare un dividendo di 0,93 euro per azione, in crescita del 33 per cento rispetto al 2020. Le vendite nei negozi e online tra il primo febbraio e il 13 marzo 2022 sono aumentate del 33 per cento rispetto allo stesso periodo del 2021 e del 21 per cento rispetto ai livelli record pre-Covid del 2019.

"Dopo due anni di pandemia, questa serie di risultati dimostra l'incredibile capacità di adattamento a qualsiasi circostanza che caratterizza tutte le persone che lavorano qui, nata dal loro impegno e talento", ha aggiunto il presidente esecutivo di Inditex, Pablo Isla.

Omicron ha pesato sulle vendite del Q4

I vari marchi dell'azienda hanno continuato a espandere la loro portata delle vendite online. Zara ha lanciato le vendite online in Ecuador, Aruba e Repubblica Dominicana; Pull&Bear ha iniziato a vendere online in Marocco, Egitto e Tunisia; la piattaforma online di Massimo Dutti è ora operativa in Serbia, Macedonia, Bosnia, Indonesia, Singapore, Israele, Thailandia e India; Bershka ha aggiunto le vendite online in Israele, Colombia, Kuwait, Marocco ed Egitto; Stradivarius ha fatto lo stesso negli Emirati Arabi Uniti, in Egitto e in Indonesia; mentre Zara Home è entrata in Tunisia, Algeria, Indonesia, Thailandia, Kazakistan, Cipro e Perù, oltre a integrarsi con la piattaforma Zara in Messico, Francia e Stati Uniti.

Inditex ha chiuso l'anno con 6.477 negozi nelle più importanti città, vie commerciali e centri commerciali del mondo. In totale la società spagnola ha aperto 226 negozi.

Parigi, Londra, Barcellona, Milano, Città del Capo e Nashville sono solo alcune delle città in cui Zara ha aperto o riaperto flagship store ampliati e rinnovati nel corso dell'anno. Il negozio di Parigi La Défense incarna la strategia del Gruppo di aprire negozi più grandi e più tecnologici, come il flagship store in Plaza de España a Madrid che aprirà l'8 aprile. Zara ha anche aperture di alto profilo in cantiere in Qatar, Tokyo Ginza (Giappone) e Porto (Portogallo), tra gli altri luoghi.

Stradivarius è stato particolarmente attivo, aprendo stabilimenti a Rethymno (Grecia), Rotterdam (Paesi Bassi), Sharjah-Al Zahia (Emirati Arabi Uniti), Siviglia (Spagna) e Edimburgo (Regno Unito).

Oysho ha ampliato e rinnovato completamente i negozi di Coruña e Barcellona (Spagna), Puebla (Messico), Doha e Pechino (Cina).

INDITEX
MASSIMO DUTTI
zera