• Home
  • News
  • Business
  • Inditex: posticipata la decisione sul dividendo 2019

Business

Inditex: posticipata la decisione sul dividendo 2019

Scritto da Isabella Naef

18 mar 2020

"Compostezza, fiducia e solidarietà", esortando le persone a guardare avanti l'executive chairman di Inditex, Pablo Isla, ha annunciato i dati dell'azienda spagnola per il 2019.

Inditex ha registrato una crescita delle vendite online del 23 per cento a 3,9 miliardi di euro, pari al 14 per cento del totale

"In questi tempi difficili in tutto il mondo, vorrei innanzitutto esprimere la nostra solidarietà a tutti coloro che sono attualmente colpiti dal coronavirus Covid-19. È giunto il momento di esprimere la nostra più sentita gratitudine per gli sforzi di innumerevoli uomini e donne, in particolare dei nostri operatori sanitari, che stanno fornendo un aiuto essenziale alle persone colpite in tutti i Paesi in cui la pandemia ha preso piede", ha detto Isla.

Per quanto riguarda i dati, nell'esercizio 19, le vendite nette di Inditex, cui fanno capo, tra l'altro, Bershka, Pull and Bear, Massimo Dutti, Stradivarius e Oysho, sono aumentate dell'8 per cento, raggiungendo i 28,29 miliardi di euro. La crescita del fatturato a perimetro costante è stata del 6,5 per cento.

La Spagna ha registrato una crescita delle vendite del 4,6 per cento e rappresenta attualmente il 15,7 per cento delle vendite totali, con l'Europa, esclusa la Spagna, che rappresenta il 46 per cento, l'Asia e il resto del mondo, il 22,5 per cento, e le Americhe, il 15,8 per cento.

.Inditex ha registrato una crescita delle vendite dalla sua piattaforma online del 23 per cento a 3,9 miliardi di euro, pari al 14 per cento del totale. Alla luce degli eventi che si sono verificati all'inizio del 2020 sulla scia dell'espansione del coronavirus Covid-19, il gruppo ha deciso di rilevare un accantonamento di magazzino di 287 milioni di euro. L'utile netto, che ha registrato una crescita del 6 per cento a quota 3,64 miliardi di euro, sarebbe aumentato del 12 per cento senza l'accantonamento, a 3,86 miliardi di euro.

Nell'esercizio 19, il Gruppo spagnolo, si legge in una nota, ha investito 1,2 miliardi di euro nella crescita della sua rete di negozi e negozi online completamente integrata, che è ora presente in oltre 200 paesi. La piattaforma gestisce 7.469 negozi in 96 mercati e 44 piattaforme globali di ecommerce.

Sessantasei di questi mercati integrano completamente negozi e online. La tecnologia Rfid è stata completamente implementata in Zara, Massimo Dutti e Uterqüe; con l'obiettivo di completare il rollout nel 2020 con l'implementazione in tutti gli altri marchi.

Di conseguenza, anche il sistema di gestione integrata del magazzino, già completamente implementato in Zara, sarà implementato in tutti i marchi del gruppo nel 2020.

Nel corso dell'esercizio 19, Zara ha lanciato vetrine online dedicate in Brasile, Sud Africa, Ucraina, Filippine, Colombia, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman, Qatar, Giordania, Bahrain, Arabia Saudita, Egitto, Indonesia, Israele, Libano, Marocco e Serbia.

Nelle ultime settimane, inoltre, il gruppo ha abbracciato e adottato tutte le misure raccomandate e le richieste dalle autorità sanitarie in tutti i suoi mercati e continuerà a cooperare pienamente in questo senso.

Da ieri, 17 marzo, l'azienda ha chiuso 3.785 negozi in 39 mercati. Tutti i negozi in Cina sono aperti a eccezione di 11 negozi, seguendo le linee guida delle autorità sanitarie.

Le vendite nei negozi e le vendite online sono diminuite del 4,9 per cento tra il primo febbraio e il 16 marzo 2020. Le vendite nei negozi e le vendite online sono diminuite del 24,1 per cento tra il primo marzo e il 16 marzo 2020.

Per quanto riguarda il dividendo, inoltre, la società spagnola ha deciso di posticipare la decisione su quanto proporre all'assemblea degli azionisti vista la pandemia in corso.

Foto: Inditex media gallery