• Home
  • News
  • Business
  • Inditex: ricavi a quota 12 miliardi nel primo semestre

Inditex: ricavi a quota 12 miliardi nel primo semestre

Scritto da Isabella Naef

16 set 2021

Business

Inditex media centre

Il gruppo Inditex ha registrato ricavi per 11,94 miliardi di euro nel primo semestre, con una crescita del 49 per cento su base annua e del 53 per cento in valute locali. L’utile netto è stato di 1,27 miliardi di euro, rispetto a una perdita di 195 milioni di euro nel primo semestre del 2020. Le vendite online hanno continuato a registrare una crescita significativa: +36 per cento sul primo semestre 2020 e il 137 per cento pre-pandemia.

L’ecommerce, si legge in una nota del gruppo spagnolo, dovrebbe rappresentare più del 25 per cento delle vendite totali quest’anno. Il fatturato, l’utile e la generazione di cassa del gruppo nel secondo trimestre, tra maggio e luglio, hanno raggiunto i massimi storici del periodo.

L’utile netto è stato di 1,27 miliardi di euro, contro una perdita di 195 milioni di euro nel primo semestre del 2020; l’Ebitda ha superato i 3,1 miliardi di euro, con una crescita del 109 per cento su base annua.

Uterqüe sarà integrata all’interno di Massimo Dutti nel corso del prossimo anno

“E’ il risultato dell’impegno dimostrato da tutti i membri dell’azienda e della loro continua attenzione nel fornire una moda di alta qualità e creatività. Grazie a tutti loro stiamo raccogliendo i benefici della trasformazione strategica e sostenibile nel nostro modello di business unico”, ha sottolineato, in una nota, il presidente esecutivo di Inditex, Pablo Isla.

Le vendite online in valute locali hanno registrato una crescita nel primo semestre del 36% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e del 137 per cento se confrontato con lo stesso periodo del 2019.

I ricavi del secondo trimestre hanno accelerato e sono cresciuti del 7 per cento in valuta locale, a 6,99 miliardi di euro, rispetto al precedente massimo storico del trimestre, stabilito nel 2Q19. Allo stesso modo, l’utile netto del secondo trimestre 2021 ha raggiunto 850 milioni di euro, superando il precedente massimo stabilito nel 2Q19.

Nell’ambito della strategia di anticipazione e trasformazione digitale del Gruppo, Uterqüe sarà integrata all’interno di Massimo Dutti nel corso del prossimo anno. L’intera gamma di prodotti Uterqüe sarà disponibile solo online e in selezionati negozi Massimo Dutti e non sarà più venduta in negozi indipendenti.

L’obiettivo principale è quello di ottimizzare, si legge in una nota, “la lunga presenza di Massimo Dutti in rinomati mercati internazionali come Stati Uniti, Canada, Messico e Turchia. La mossa segna la continuazione della strategia di grande successo avviata tra Zara Home e Zara per sfruttare le sinergie tra i due marchi”.

Tutti gli altri marchi continuano a perseguire le loro strategie integrate di trasformazione digitale e ad aprire nuovi flagship store.

Zara, sottolinea ancora il management, ha aperto nuovi negozi a Edimburgo e a Cardiff (Regno Unito) durante il secondo trimestre, oltre a rinnovare i negozi di Marbella e Siviglia (Spagna). In agosto, il marchio ha inaugurato un negozio in Bahnhofstrasse a Zurigo (Svizzera), che ha un’area dedicata alla collezione Zara Home.