• Home
  • News
  • Business
  • Jil Sander è stata comprata da Otb

Jil Sander è stata comprata da Otb

Business

Scritto da Isabella Naef

5 mar 2021

Shopping per Otb. L'azienda a cui fanno già capo Diesel, Maison Margiela, Marni, Viktor&Rolf, Amiri, Staff International e Brave Kid, ha annunciato l'acquisizione di Jil Sander, griffe fondata nel 1968 dall’omonima designer tedesca, e di proprietà del gruppo giapponese Onward Holdings dal 2008.

Il marchio è diretto creativamente da Lucie e Luke Meier dal 2017.

Otb ha archiviato il 2020 con un giro d’affari consolidato pari a 1.317 milioni di euro

Come si legge in una nota, Otb e Onward Holdings hanno perfezionato un accordo per l’acquisizione da parte del gruppo italiano del 100 per cento di Jil Sander. Il valore dell'operazione non è stato reso noto.

“Ho sempre guardato a Jil Sander con rispetto e ammirazione. Nonostante i cambi di proprietà e direzione creativa, il marchio è rimasto fedele alla visione della sua fondatrice, con una grande attenzione alla bellezza e alla qualità del prodotto, dall’inconfondibile approccio minimalista. Accogliere questo diamante senza tempo nel nostro gruppo di maison uniche e anticonvenzionali è un onore e un impegno a lungo termine”, ha sottolineato, attraverso una nota, Renzo Rosso, presidente di Otb.

Otb ha archiviato il 2020 con un giro d’affari consolidato pari a 1.317 milioni di euro, con un Ebitda di 176 milioni di euro, e una posizione finanziaria netta positiva di 175 milioni di euro.

A livello di gruppo, l’online ha visto una crescita di oltre il 26 per cento nei canali diretti. Il risultato più importante è stato quello di Diesel che, anche grazie al lancio di Moon, piattaforma omnichannel che permette un'esperienza di shopping digitale completa, ha visto le vendite dell’ecommerce diretto attestarsi al 13,3 per cento del volume d’affari complessivo, contro il 7,9 per cento dell’anno precedente. Il peso del canale online, considerando anche le vendite indirette, rappresenta ormai più del 24 per cento del business totale di Diesel.

La posizione finanziaria netta del gruppo, esclusi gli effetti Ifrs16, rimane positiva ed è migliorata di oltre 50 milioni di euro nel 2020, attestandosi a quota 175 milioni di euro, rispetto ai 124 del 2019, anche tenendo conto di investimenti in crescita rispetto all’anno precedente e dell’impatto della pandemia, in particolar modo nel primo semestre.

Foto: Jil Sander, dall'ufficio stampa Otb