• Home
  • News
  • Business
  • Lvmh: fatturato in calo del 27 per cento nel semestre

Business

Lvmh: fatturato in calo del 27 per cento nel semestre

Scritto da Isabella Naef

28 lug 2020

Lvmh, Moët Hennessy Louis Vuitton ha registrato un fatturato di 18,4 miliardi di euro nel primo semestre del 2020, con un calo del 27 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

"Lvmh ha dimostrato la sua capacità di resistenza in un contesto economico fortemente perturbato dalla grave crisi sanitaria che ha portato alla sospensione dei viaggi internazionali e alla chiusura dei negozi e dei siti produttivi del gruppo nella maggior parte dei paesi per un periodo di diversi mesi. La priorità del gruppo è stata e rimane la sicurezza dei suoi dipendenti e dei suoi clienti. I team di Lvmh hanno dimostrato il loro forte impegno nell'affrontare questa situazione senza precedenti, mentre gli sforzi per adattarsi all'ambiente attuale sono attivamente in corso per controllare i costi e garantire una politica di investimento più selettiva", ha spiegato il management in una nota diffusa ieri.

Bernard Arnault, presidente e ceo di Lvmh: "rimaniamo molto vigili per il resto dell'anno"

Nel secondo trimestre, i ricavi sono diminuiti del 38 per cento su base organica rispetto allo stesso periodo del 2019. Sebbene nel mese di giugno si siano registrati segnali incoraggianti di ripresa in diverse attività del gruppo, nel corso del trimestre i ricavi sono stati in particolare in calo negli Stati Uniti e in Europa. L'Asia, invece, ha registrato un netto miglioramento delle tendenze, con un forte rimbalzo soprattutto in Cina.

L'utile netto di pertinenza del gruppo è ammontato a 522 milioni di euro. "Lvmh ha dimostrato un'eccezionale resistenza alla grave crisi sanitaria che il mondo ha vissuto nella prima metà del 2020. Le nostre maison hanno dimostrato una notevole agilità nell'implementazione di misure per adattare i loro costi e accelerare la crescita delle vendite online. Anche se da giugno abbiamo osservato forti segnali di ripresa dell'attività, rimaniamo molto vigili per il resto dell'anno. Continuiamo a essere guidati da una visione a lungo termine, da un profondo senso di responsabilità e da un forte impegno per la protezione dell'ambiente, l'inclusione e la solidarietà. Nel contesto attuale, rimaniamo ancora più fermamente dediti a mostrare continui progressi in questi settori", ha sottolineato Bernard Arnault, presidente e ceo di Lvmh.

"Grazie alla forza dei nostri marchi e alla reattività della nostra organizzazione, siamo fiduciosi che Lvmh sia in una posizione eccellente per trarre vantaggio dalla ripresa, che speriamo venga confermata nella seconda metà dell'anno, e per rafforzare la nostra leadership nel mercato globale del lusso nel 2020", ha aggiunto il ceo.

Per quanto riguarda i singoli comparti in cui è attivo il colosso del lusso, la divisione fashion & leather goods ha registrato un calo del 24 per cento del fatturato organico nella prima metà del 2020 in un contesto caratterizzato dalla chiusura di negozi in molte regioni del mondo. "La rigorosa gestione dei costi dei marchi ha permesso di limitare al 46 per cento il calo dei profitti delle operazioni ricorrenti. Louis Vuitton ha illustrato la sua forza creativa più che mai attraverso i suoi numerosi nuovi prodotti. La maison sta rafforzando i suoi legami con i clienti attraverso diverse iniziative digitali e ha mantenuto la sua redditività a un livello eccezionale. Christian Dior, che ha mostrato una notevole resistenza, ha appena inaugurato una nuova boutique in rue Saint-Honoré a Parigi", ha aggiunto il management.

Foto: per gentile concessione di Givenchy