Moda second hand, un mercato in espansione: intervista con Thomas Plantenga, ceo di Vinted

La stigmatizzazione dell'abbigliamento e delle calzature di seconda mano sta rapidamente diventando un ricordo del passato: secondo un recente rapporto della piattaforma di rivendita ThredUp, il mercato è cresciuto 21 volte più velocemente rispetto a quello della moda al dettaglio di prima mano negli ultimi tre anni e si prevede che crescerà da 24 miliardi di dollari a 51 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, solo negli Stati Uniti. Ciò significa che il mercato dell'usato sarà 1.5 volte più grande della moda veloce entro il 2028, quando si prevede che gli articoli usati rappresenteranno in media il 13 per cento di guardaroba americani.

Cercando di dare una sbirciatina dietro le quinte di questo segmento, FashionUnited ha intervistato Thomas Plantenga, ceo di Vinted, una piattaforma su cui gli utenti possono vendere gratuitamente abiti usati (la spedizione è a carico dell'acquirente). Più di 120000 articoli sono attualmente elencati, con un prezzo medio per articolo di 15 euro.

Fondata nel 2008 a Vilnius, in Lituania, da Milda Mitkute e Justas Janauskas, la società non navigava in buone acque quando Plantenga si è unito a loro nel 2016, ma una nuova strategia sta cambiando le cose. Oggi Vinted è presente in 11 mercati europei, tra cui Regno Unito, Francia, Germania, Polonia, Lituania, Repubblica Ceca, Spagna, Austria, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi, con uffici a Vilnius, Berlino, Varsavia e Praga.

Può parlarci un po' di lei? Come e perché ha deciso di unirsi a Vinted?

Vengo dai Paesi Bassi, dove sono nato e cresciuto. La mia storia con Vinted è iniziata nel 2016. Vivevo e lavoravo a New York quando ho ricevuto una chiamata da Insight Venture Partners. Mi hanno chiesto se potevo volare a Vilnius per aiutare un'azienda in cui avevano investito che stava affrontando momenti molto difficili e difficoltà finanziarie. Vinted aveva avuto un inizio di successo, ma il modello di business non era più praticabile e la società aveva solo liquidità per ancora pochi mesi. Inizialmente avevo programmato di rimanere per 5 settimane, ma alla fine non sono mai tornato a New York. Ho deciso di restare con i team per affrontare i tempi difficili e per cambiare aggressivamente strategia.

Moda second hand, un mercato in espansione: intervista con Thomas Plantenga, ceo di Vinted

Puo' dirci di più sui problemi che Vinted stava affrontando in quel momento? Lei stesso ha investito 50 milioni di euro nell’azienda

Vinted aveva già gestito 3 round di finanziamento fino al 2016, con 5.2 milioni di euro da Accel Partners nel 2013, 20 milioni di euro da Insight Partners nel 2014 e 27 milioni di euro da Burda Principal Investments nel 2015. Ma la crescita dell'azienda si è arrestata mentre i costi aumentavano rapidamente.

Quando sono arrivato, non ho investito denaro ma piuttosto il mio tempo e i miei sforzi. Abbiamo affrontato drastici cambiamenti per raggiungere tre obiettivi semplici ma fondamentali: rendere felici gli utenti, aggiungere più valore e creare meno costi. Innanzitutto, tramite la centralizzazione delle operazioni chiudendo gli uffici di Londra, San Francisco, Monaco e Parigi. Abbiamo mantenuto solo la sede centrale di Vilnius e gli uffici di Varsavia e Praga. Abbiamo aggiunto l'ufficio di Berlino più tardi. Quindi, abbiamo apportato nuove funzionalità al prodotto, le più visibili sono il "modello senza commissioni di vendita" che ha consentito ai venditori di elencare e vendere un numero illimitato di articoli senza pagare alcuna commissione o commissione a Vinted. Abbiamo anche implementato un'opzione per i nostri acquirenti di pagare una piccola tassa di protezione dell'acquirente per garantire una migliore sicurezza sulla piattaforma. L'anno scorso abbiamo gestito il nostro quarto round di finanziamento, raggiungendo 4 milioni di euro da Sprints Capital.

Come sta andando la società adesso?

La società ha registrato una crescita eccezionale negli ultimi 3,5 anni. In Europa ora abbiamo oltre 23 milioni di membri registrati in 11 paesi e prevediamo un Gmv annuale nel 2019 di 1.3 miliardi di euro, che sono i guadagni totali generati dai nostri membri a livello globale e che sono interamente restituiti ai venditori.

Ci racconti una grande sfida e una grande vittoria durante il suo ruolo di ceo presso Vinted.

La grande vittoria: riuscire a rendere vitale Vinted e vedere l'azienda crescere. Abbiamo oltre 300 dipendenti e prevediamo di essere a quota 500 nel 2020. La grande sfida è quella che dobbiamo ancora affrontare, ovvero adempiere alla nostra missione di rendere la moda di seconda mano la prima scelta in tutto il mondo.

Con così tanti attori nel mercato della rivendita, perché i consumatori dovrebbero scaricare Vinted invece di rivolgersi a uno dei concorrenti?

La nostra esperienza a livello di app e tecnologia ha portato l'abbigliamento di seconda mano al livello successivo. I nostri team si sforzano di rendere attraente la proposta di Vinted sia per gli acquirenti che per i venditori, con elenchi gratuiti e illimitati, vendite più veloci, ottime offerte di spedizione in tutta Europa, varietà illimitata dell'offerta di moda e l'opportunità di scegliere soluzioni di pagamento sicure e un team di supporto a disposizione 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Alla fine, la comunità ha creato insieme la più variegata collezione di moda di seconda mano in Europa.

Vinted è molto popolare in Francia. Che cosa rende il mercato francese così vantaggioso per Vinted?

La Francia è ora diventata il mercato leader per Vinted con 10 milioni di membri registrati e una crescita Gmv del 230 per cento anno su anno. I nostri membri francesi hanno reso Vinted la piattaforma online leader per la moda e gli accessori di seconda mano in Francia, con 2.2 articoli venduti ogni secondo su Vinted.fr. Vinted è la terza app più visitata al giorno in Francia.

Onestamente siamo stati i primi a essere sorpresi dall'impressionante risposta positiva e rapida dei francesi! La Francia ha una forte cultura e relazione storica con moda e negli ultimi 5 anni c'è stata una crescente consapevolezza riguardo alla sostenibilità. La gente si rende conto che è obbligatorio riciclare ed era quindi il momento giusto per lanciare un progetto come Vinted.

Ma questi non sono gli unici motivi. I nostri team non perdono di vista gli obiettivi e cercano sempre di migliorare i nostri servizi. Da dicembre 2018, ad esempio, gli utenti francesi hanno l'opportunità di vendere e acquistare da membri in altri 4 mercati: Belgio, Spagna, Lussemburgo e Paesi Bassi. Con il lancio di questa piattaforma internazionale, i nostri membri francesi sono ora in grado di raggiungere una base più ampia di potenziali acquirenti, così da vendere più velocemente e godere di un'esperienza di acquisto ancora migliore con un catalogo ancora più diversificato.

Moda second hand, un mercato in espansione: intervista con Thomas Plantenga, ceo di Vinted

Vinted si è recentemente esteso anche ad altri paesi europei, tra cui il Benelux, da dove lei viene. Quali sono i principali piani dell'azienda per questa regione?

Abbiamo lanciato il Belgio l'anno scorso e i Paesi Bassi un paio di mesi fa. La risposta in entrambi i mercati è stata estremamente entusiasta e vediamo molto potenziale di crescita nei paesi del Benelux. Vogliamo continuare a farli crescere come mercati chiave della nostra piattaforma internazionale e quindi l'attenzione rimane la stessa: offrire ai nostri membri un'esperienza utente eccezionale vendendo più velocemente, portando più varietà, acquistando comodamente e continuando a migliorare la protezione e il supporto.

Quali sono i piani di Vinted per gli Stati Uniti? E' un mercato difficile da decifrare con così tanti concorrenti come ThredUp e The RealReal, per non parlare poi del mercato fisico dell'usato

Vinted ha lanciato negli Stati Uniti nel 2013, insieme a Francia, Polonia e Austria. Tuttavia, dopo i cambiamenti del 2016, abbiamo fatto la scelta di concentrarci prima sull'Europa. L’applicazione funziona ancora negli Stati Uniti, ma non siamo molto attivi in questo paese, infatti non comunichiamo in modo proattivo né investiamo nel mercato statunitense.

Intendete espandervi presto in altri paesi? Dove vede Vinted nel prossimo futuro?

Se guardiamo alla nostra missione, che è quella di rendere la moda di seconda mano la prima scelta in tutto il mondo, c'è ancora un immenso potenziale di crescita. Al momento i nostri team sono concentrati sull'ottimizzazione della nostra piattaforma internazionale e sullo sviluppo di nuovi strumenti e funzionalità, così che i nostri membri possano acquistare e vendere sempre più sicuri su Vinted. Per raggiungere la nostra missione, continueremo ad aggiungere valore nei nostri mercati esistenti. Ci espanderemo verso nuovi mercati in Europa dove e quando vedremo una chiara opportunità e benefici per i nostri membri.

Secondo lei, quali sono i fattori che guidano la crescita del mercato dell'usato?

Ci sono due driver principali: potere d'acquisto e la tendenza in rapida crescita intorno all'economia circolare. Quando si tratta di moda, è esattamente quello che facciamo, ovvero offriamo ai nostri membri uno strumento comodo e facile da usare affinchè possano guadagnare qualche soldo in più e permettersi una grande varietà di moda a prezzi più bassi. Ma crediamo anche che esistiamo per rendere la moda più circolare e consentire alle persone di consumare in modo più responsabile, garantendo ai loro vestiti una seconda o addirittura una terza vita.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su FashionUnited.com e poi tradotto per FashionUnited.it

Immagini: per gentile concessione di Vinted

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO