• Home
  • News
  • Business
  • Moncler spa: ricavi a + 57 per cento nel semestre

Moncler spa: ricavi a + 57 per cento nel semestre

Scritto da FashionUnited

28 lug 2021

Business

Foto: Moncler website

Moncler ha registrato ricavi in crescita del 57 per cento nel primo semestre rispetto allo stesso periodo di un anno prima. Nel dettaglio, nei primi sei mesi il gruppo guidato da Remo Ruffini ha realizzato ricavi consolidati pari a 621,8 milioni di euro, in rialzo del 57 per cento a tassi di cambio costanti (+54 per cento a cambi correnti). I ricavi del marchio Moncler sono stati pari a 565,5 milioni (+43 per cento a tassi di cambio costanti). Il giro d'affari generato dal marchio Stone Island, consolidati per il solo secondo trimestre, sono stati pari a 56,2 milioni.

Remo Ruffini: "Ma, come dico sempre commentando la semestrale, la parte più importante dell’anno è ancora di fronte a noi"

"Se l'acquisizione fosse avvenuta il primo gennaio 2021, i ricavi consolidati sarebbero stati pari a 709,9 milioni", si legge in una nota del gruppo. Nel secondo trimestre Moncler group ha realizzato ricavi complessivi per 256,3 milioni. Il gruppo ha chiuso il primo semestre con un risultato netto pari a 58,7 milioni, rispetto alla perdita pari di 31,6 milioni del primo semestre del 2020 e rispetto ai 70 milioni di utile netto del primo semestre 2019.

Nel secondo semestre l'azienda ha registrati un +5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, con crescite a forte doppia cifra in Usa, Cina, Corea e nel business online.

“È da oltre un anno che viviamo in una situazione imprevista e senza precedenti, che però ci ha spronati a trovare una rinnovata energia e capacità di evolvere, migliorandoci. Lo scorso anno commentavamo la nostra volontà di focalizzarci su progetti essenziali per il brand. Oggi sono fiero di annunciare che gli obiettivi che ci eravamo prefissi sono stati tutti raggiunti. A maggio abbiamo internalizzato l’ecommerce in Emea e a luglio in Giappone. Non solo. Abbiamo anche rafforzato la struttura manageriale introducendo la funzione di chief brand officer per il marchio Moncler. Inoltre, da aprile siamo diventati un Gruppo. E oggi commentiamo i primi risultati consolidati di Moncler e Stone Island. Numeri molto buoni. Il fatturato ha raggiunto 622 milioni di euro, in crescita del 57 per cento rispetto al primo semestre 2020, con un trend in accelerazione, mentre l’utile operativo è stato pari a 92,8 milioni di euro", ha sottolineato Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler.

"Ma, come dico sempre commentando la semestrale, la parte più importante dell’anno è ancora di fronte a noi. E, pur riconoscendo che la situazione sanitaria rimane altamente incerta, siamo pronti ad affrontare i prossimi mesi con entusiasmo, impegno e grande energia, forti della consapevolezza che abbiamo marchi formidabili, progetti chiari e persone di talento per portarli a compimento”, ha aggiunto Ruffini.

Tornando ai dati, nei primi sei mesi, il canale distributivo direct-to-consumer ha conseguito ricavi pari a 418,4 milioni di euro, con un +44 per cento a tassi di cambio costanti rispetto a 300,5 milioni nel primo semestre 2020, e del -2 per cento rispetto allo stesso periodo nel 2019.

Il secondo trimestre, nonostante risultati in miglioramento in alcuni mercati, ha risentito negativamente rispetto al 2019 della diminuzione del traffico in Giappone, a causa delle maggiori misure restrittive per fronteggiare la pandemia, e della decisione di spostare l’importante lancio di Moncler Genius Fragment da giugno a luglio.

Il canale wholesale ha registrato ricavi pari 147,1 milioni di euro, rispetto a 102,8 milioni nel primo semestre 2020, in crescita del 42 per cento a tassi di cambio costanti rispetto al primo semestre 2020 e del 10 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019.

Al 30 giugno 2021, la rete di negozi monomarca del marchio era costituita da 224 punti vendita diretti retail, in aumento di 5 unità rispetto al 31 dicembre 2020 di cui 3 aperti nel secondo trimestre. Inoltre, il marchio Moncler gestisce anche 63 shop-in-shop wholesale, senza variazioni rispetto al 31 dicembre 2020 e al 31 marzo 2021.