• Home
  • News
  • Business
  • Moncler supporta hub vaccinale in Lombardia e chiude i tre mesi a +21 per cento

Business

Foto: Moncler website

Moncler supporta hub vaccinale in Lombardia e chiude i tre mesi a +21 per cento

Scritto da FashionUnited

23 apr 2021

Moncler ha archiviato il primo trimestre con ricavi consolidati pari a 365,5 milioni di euro, segnando un +21 per cento a tassi di cambio costanti e +18 per cento a tassi di cambio correnti, rispetto ai 310,1 milioni nel primo trimestre 2020. Rispetto allo stesso periodo del 2019 i ricavi consolidati sono diminuiti del 2 per cento a tassi di cambio costanti (-3 per cento a tassi di cambio correnti).

L'azienda guidata da Remo Ruffini ha anche annunciato che ha deciso di supportare il maggior hub vaccinale della Lombardia

Ieri l'azienda guidata da Remo Ruffini ha anche annunciato che ha deciso di supportare il maggior hub vaccinale della Lombardia. Il centro è stato realizzato presso il Generali square garden (Palazzo delle Scintille, ex Padiglione 3 di Fiera Milano), in piazza VI Febbraio, e sarà gestito dal Policlinico di Milano e operativo dalla prossima domenica, 25 aprile.

Si stima verranno somministrate circa 10 mila dosi di vaccino al giorno attraverso 72 linee vaccinali. Una nota spiega che il gruppo "ha contribuito integralmente ai costi di realizzazione di allestimenti e arredi (area accettazione, box per anamnesi e inoculazione, area osservazione post vaccino, postazioni di lavoro del personale sanitario) e contribuirà ai costi per lo svolgimento delle attività di registrazione al percorso vaccinale svolte da oltre 80 addetti reclutati dal Policlinico di Milano".

Trimestre in crescita grazie al forte contributo di Cina, Corea e Nord America

Tornando ai dati del trimestre 2021, l'azienda afferma che sono cresciuti a doppia cifra grazie al forte contributo in particolare di Cina, Corea e Nord America, e nonostante molti paesi siano ancora influenzati dalle stringenti misure di contenimento della pandemia da Covid-19 adottate dai rispettivi governi nazionali. In decisa accelerazione anche l’ecommerce.

I ricavi retail hanno raggiunto 279,2 milioni, +22 per cento a tassi di cambio constanti e +18 per cento a tassi di cambio correnti, rispetto ai 236,3 milioni nel primo trimestre 2020.

I ricavi wholesale sono stati pari a 86,3 milioni, +17 per cento a tassi di cambio correnti e costanti, rispetto a 73,8 milioni nel primo trimestre 2020.

L'azienda ha completato l’operazione di acquisizione del 100 per cento del capitale di Sportswear Company S.p.A., società detentrice del marchio Stone Island, i cui risultati saranno consolidati a partire dal secondo trimestre dell’esercizio.

“È iniziato un anno importante. Un anno che ci auguriamo di rinascita e di nuova energia. Un anno che, per Moncler, sarà anche di grande impegno e progettualità. Il 31 marzo abbiamo concluso l’acquisizione di Stone Island. Assieme stiamo lavorando su programmi importanti per lo sviluppo del gruppo con un obiettivo chiaro: valorizzare l’identità dei nostri brand, esaltarne l’unicità e nel contempo creare un’infrastruttura solida in grado di sostenerne l’evoluzione e lo sviluppo futuro", ha sottolineato Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler.

"Guardando ai risultati dei primi tre mesi del 2021, penso che crescere del 21 per cento a livello mondo, con un fatturato sostanzialmente allineato al primo trimestre 2019, sia un risultato molto buono. Ma dobbiamo ancora fare tanto. I prossimi mesi sono fondamentali anche per i tanti progetti che stiamo sviluppando. Come ho detto ai nostri store manager nel summit digitale organizzato poche settimane fa, non dobbiamo smettere di essere proattivi, dobbiamo continuare a imparare e a sperimentare. Il nostro cliente, ovunque esso si trovi, in qualsiasi spazio fisico o digitale, si aspetta un’esperienza costantemente diversa, sempre più unica e intensa. Il nostro prodotto li ha conquistati ieri, ma è la relazione che stringiamo oggi che ci permetterà di continuare a connetterci con loro domani in tutto il mondo ed in ogni touch point", ha aggiunto Ruffini.

Al 31 marzo 2021, la rete di negozi monomarca Moncler può contare su 221 punti vendita diretti retail, in aumento di due unità rispetto al 31 dicembre 2020 e su 63 shop-in-shop wholesale, in linea con il numero registrato al 31 dicembre 2020.

Il consiglio ha individuato il neo-nominato amministratore Carlo Rivetti quale dirigente con responsabilità strategiche del Gruppo Moncler.