• Home
  • News
  • Business
  • Ovs: vendite nei primi nove mesi a +33 per cento

Ovs: vendite nei primi nove mesi a +33 per cento

Scritto da FashionUnited

15 dic 2021

Business

Courtesy of Ovs

Vendite nette dei primi nove mesi pari a 978 milioni, +32,8 per cento rispetto al periodo analogo del 2020 e in linea con quelle del 2019 (991 milioni), recuperando così le vendite perse nel primo trimestre a causa delle chiusure dei negozi per il Covid-19, per Ovs. “La crescita è stata elevata in tutte le insegne e ha caratterizzato sia il canale offline, sia quello online”, specifica il management in una nota. Il sito web dell’insegna nei primi nove mesi dell’anno ha registrato 20,3 milioni di visite e vendite in crescita del 33 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020, quando le vendite online crescevano fortemente anche a causa delle chiusure dei negozi.

L’ Ebitda si è attestato a 104,5 milioni, in crescita di 64,4 milioni rispetto al 2020

L’ Ebitda si è attestato a 104,5 milioni, in crescita di 64,4 milioni rispetto al 2020 e di 3,4 milioni rispetto al 2019, nonostante un primo trimestre dell’anno improduttivo a causa delle delle chiusure dei punti vendita.

La posizione finanziaria netta al 31 ottobre 2021 è pari a 254,8 milioni di euro grazie a una rilevante generazione di cassa che nei primi nove mesi dell’anno è risultata essere pari a 65,3 milioni (+112,3 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2020), a cui si sommano 81 milioni derivanti dall’aumento di capitale. A novembre la società ha proceduto a rimborsare con più di un anno di anticipo la linea bullet pari a 250 milioni grazie all’utilizzo di proventi derivanti dall’emissione del sustainability-linked ond per 160 milioni e all’utilizzo delle risorse nella disponibilità del gruppo per 90 milioni. “Tutto ciò consentirà un notevole risparmio di oneri finanziari nei prossimi esercizi”, specifica la nota.

“Il trimestre ha visto la partenza del nuovo corso impresso a Stefanel, marchio di recente acquisizione. Alcuni nuovi negozi, prevalentemente in franchising, sono stati aggiunti alla rete esistente e per la prima volta è stata introdotta una collezione interamente ideata da noi. I risultati sono molto incoraggianti anche tenuto conto che l’inizio della stagione non ha potuto beneficiare della collezione autunnale di peso più leggero, che abbiamo scelto di sviluppare solo in minima parte dato che non sarebbe potuta arrivare per tempo”, ha sottolineato l’amministratore Stefano Beraldo, nella nota. “Il gruppo sta ponendo in essere varie misure volte a contenere l’impatto derivante dalla tensione sui costi attualmente in atto ed attesa anche per almeno parte del prossimo anno. Per gli acquisti di merce stiamo prediligendo il trasporto navale limitando al massimo quello aereo, molto più oneroso. Proseguiamo con le contrattazioni commerciali tanto sul versante dei noli con contratti di medio termine, quanto sul versante dei prezzi delle merci, al fine di condividere l’impatto dell’aumento delle materie prime con i fornitori”, ha aggiunto Beraldo.