Pepe Jeans venduta ai libanesi M1

Come anticipato da FashionUnited il 28 gennaio, dopo oltre sei mesi di negoziati, Pepe Jeans è diventato ufficialmente di proprietà del fondo libanese M1 che fa capo ai fratelli Taha e Hajib Mikati, per circa 720 milioni di euro.

Dopo diversi mesi di negoziati guidati da Morgan Stanley, Torreal, Artá Capital e L Capital, cui fa capo Pepe Jeans, hanno quindi deciso di vendere al gruppo cui, dal 2007, fa capo l'etichetta Façonnable.

Il giro d'affari del marchio ha superato i 500 milioni di euro nell'ultimo esercizio chiuso a marzo 2014.

L'operazione, che è stata eseguita da Deya Capital, è ora subordinato all'ottenimento autorizzazione da parte delle autorità garanti della concorrenza.

Il team di gestione di Pepe Jeans rimarrà in azienda

Come confermato dalle parti interessate, il team di gestione di Pepe Jeans rimarrà in azienda. L'operazione è stata valutata in 720 milioni, secondo fonti vicine alle società citate.

La vendita riguarda il 58,9 percento del capitale controllato dai fondi (31 percento Torreal, 16,4 Artá Capital e 11,5 percento L Capital, fondo d'investimento di Lvmh).

Il marchio è in vendita dallo scorso luglio.

Pepe Jeans è stata avviata nel 1973, da tre fratelli su una bancarella del Portobello Market di Londra. Il management team è guidato dal chief executive officer Carlos Ortega. L'azienda è presente in oltre 60 Paesi, conta una trentina di negozi e impiega 2mila persone.

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO