• Home
  • News
  • Business
  • Piquadro: fatturato a -37,6 per cento nei sei mesi

Piquadro: fatturato a -37,6 per cento nei sei mesi

Scritto da FashionUnited

27 ott 2020

Business

Piquadro spa, società attiva nell’ideazione, produzione e distribuzione di articoli di pelletteria, ha comunicato oggi i dati di fatturato consolidato relativi al primo semestre dell’esercizio fiscale 2020/21. Il fatturato consolidato registrato nei primi sei mesi dell’esercizio chiuso il 30 settembre 2020 è stato pari a 48,5 milioni di euro, in flessione del 37,6 per cento rispetto all’analogo periodo dell’esercizio precedente chiuso a 77,9 milioni di euro.

Il canale ecommerce ha registrato un risultato nei primi sei mesi in incremento del 51,4 per cento

Nel corso del secondo trimestre dell’esercizio 2020/2021 (luglio-settembre 2020) il fatturato consolidato registrato dal gruppo quotata alla Borsa Italiana dal 2007, è stato pari a 36,4 milioni di euro e in diminuzione di circa il 18,3 per cento rispetto all’analogo periodo dell’esercizio precedente chiuso a 44,5 milioni di euro.

I risultati di vendita del semestre in esame sono stati influenzati dalle misure introdotte dalle autorità pubbliche e governative dei Paesi colpiti dall’emergenza volte al contenimento della diffusione del virus “Covid-19”, si legge in una nota dell'azienda. In particolare, il primo trimestre dell’esercizio (aprile-giugno 2020) ha subito la temporanea chiusura di oltre il 90 per cento della rete distributiva per circa due mesi congiuntamente al divieto e limitazione alla mobilità e alla circolazione di persone e beni e alla chiusura delle attività commerciali e di vendita al pubblico, "impattando, in modo eccezionalmente negativo, anche sui flussi turistici in tutto il mondo", specifica il management della società nella nota.

Con riferimento al marchio Piquadro, i ricavi registrati nei primi sei mesi dell’esercizio chiuso il 30 settembre 2020 risultano pari a 22,3 milioni di euro in diminuzione del 41,6 per cento rispetto all’analogo esercizio chiuso al 30 settembre 2019. Questa "diminuzione è stata fortemente impattata dalle chiusure dei negozi e dall’assenza dei flussi turistici e dalla mancanza di traffico, in particolare, quello turistico", recita la nota.

Nel corso del secondo trimestre (luglio-settembre 2020) le vendite a marchio Piquadro hanno registrato una diminuzione di circa il 25,1 per cento. Il canale ecommerce ha, invece, registrato un risultato nei primi sei mesi in incremento del 23,5 per cento rispetto all’analogo periodo chiuso al 30 settembre 2019.

Con riferimento al marchio The Bridge, i ricavi registrati nei primi sei mesi dell'esercizio chiuso il 30 settembre 2020 risultano pari 8,3 milioni di euro in diminuzione del 41,8 per cento rispetto all’analogo esercizio chiuso al 30 settembre 2019.

Il canale ecommerce ha, invece, registrato un risultato nei primi sei mesi in incremento del 51,4 per cento rispetto all’analogo periodo chiuso al 30 settembre 2019. I ricavi delle vendite realizzati dalla Maison Lancel nei primi sei mesi dell’esercizio chiuso il 30 settembre 2020 risultano pari a 17,8 milioni di euro, in flessione del 29,3 per cento rispetto all’analogo periodo chiuso al 30 settembre 2019. Il decremento è stato impattato dalle chiusure dei negozi e dall’assenza dei flussi turistici. Nel corso del secondo trimestre (luglio-settembre 2020) le vendite a marchio Maison Lancel hanno registrato una diminuzione di circa il 5,0 per cento. L'ecommerce della Maison Lancel ha, invece, registrato un risultato nei primi sei mesi in incremento del 95,2 per cento rispetto all’analogo periodo chiuso al 30 settembre 2019.

Dal punto di vista geografico il gruppo Piquadro ha registrato nel mercato italiano, un fatturato di 24,4 milioni di euro, pari al 50,2 per cento delle vendite consolidate, in diminuzione del 40,3 per cento rispetto allo stesso periodo dell’esercizio 2019/2020.

Nel mercato europeo il gruppo ha registrato un fatturato di 22,4 milioni di euro, pari al 46,2 per cento delle vendite consolidate, in diminuzione del 35,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’esercizio 2019/2020.

Nell’area geografica extra europea (denominata “Resto del mondo”) il gruppo ha registrato un fatturato di 1,7 milioni di euro, pari al 3,6 per cento delle vendite consolidate (2,7 per cento delle vendite consolidate al 30 settembre 2019) con una diminuzione relativa del 15,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’esercizio 2019/2020.

“L’impatto del Covid ha imposto una veloce ottimizzazione dei processi, peraltro già in atto, per ridurre i capex e digitalizzare attività e relazioni con il consumatore", ha commentato Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato del Gruppo Piquadro. “L’area relativa al “travel and business” è stata evidentemente più impattata dal calo della domanda, ma riteniamo che il trend di lungo periodo rimarrà positivo. Siamo molto soddisfatti delle performance della Maison Lancel, anche in virtù delle recenti aperture di punti vendita sul mercato asiatico e delle relative performance, oltreché dalla crescita dell’online".

"L’incertezza sullo sviluppo della pandemia non ci consente di fare previsioni attendibili, anche se è stato fatto un importante lavoro nella riduzione degli opex e nel preservare la cassa e la posizione finanziaria netta che a fine periodo rimane positiva”, ha aggiunto il ceo.

Foto: Marco Palmieri, dall'ufficio stampa Piquadro