• Home
  • News
  • Business
  • Piquadro: nessun dividendo per gli azionisti

Business

Piquadro: nessun dividendo per gli azionisti

Scritto da Isabella Naef

11 set 2020

L’assemblea degli azionisti di Piquadro spa, riunita ieri, a Silla di Gaggio Montano (Bologna), ha approvato il bilancio dell’esercizio al 31 marzo 2020. A seguito della delicata situazione economica non solo di Piquadro ma a livello internazionale come effetto della grave emergenza sanitaria legata al Covid 19 ancora in corso e tenuto conto del fatto che a oggi non è possibile prevedere in quali tempi sarà possibile il ritorno alla normalità, ha approvato la proposta del consiglio di amministrazione, in via cautelativa e prudenziale, di non distribuire alcun dividendo a favore dei soci per l’esercizio in corso, si legge in una nota.

Piquadro ha archiviato i primi tre mesi del 2021 con un fatturato per 12,19 milioni di euro, in flessione del 63,5 per cento rispetto all primo trimestre del 2019/2020

L'assemblea ha anche scelto di autorizzare l'acquisto di azioni ordinarie della società, in una o più tranche, sino al numero massimo consentito dalla legge, "avuto riguardo alle azioni proprie possedute direttamente e a quelle possedute da società controllate". L'approvazione del piano di buy-back è accordato, a far data dalla delibera pubblicata ieri, fino all'approvazione del bilancio al 31 marzo 2021.

L'azienda ha archiviato i primi tre mesi del 2021 con un fatturato per 12,19 milioni di euro, in flessione del 63,5 per cento rispetto ai 33,37 milioni ottenuti nel primo trimestre del 2019/2020. A pesare sulle vendite, la chiusura forzati dei negozi durante il lockdown.

Piquadro spa ha chiuso l'esercizio al 31 marzo 2020 con un fatturato consolidato pari a 152,2 milioni di euro (+3,2 per cento rispetto all’esercizio chiuso al 31 marzo 2019); l'Ebitda ammonta a 13,0 milioni di euro. L'azienda ha sottolineato che l’aumento dei ricavi è stato determinato principalmente dal consolidamento integrale dei dodici mesi delle vendite della Maison Lancel (contro dieci mesi relativi al bilancio chiuso al 31 marzo 2019) e dall’aumento dello 0,6 per cento delle vendite a marchio The Bridge.

Il Gruppo Piquadro opera nel settore degli accessori in pelle attraverso i marchi Piquadro, The Bridge e Lancel.

Le origini del Gruppo Piquadro risalgono al 1987 quando Marco Palmieri, oggi presidente, fondò la sua azienda in provincia di Bologna, dove tuttora ha sede il quartier generale. La rete distributiva si estende su oltre 50 paesi nel mondo e conta su 183 punti vendita che includono 98 boutique a insegna Piquadro (65 in Italia e 33 all’estero), 12 boutique a insegna The Bridge (12 in Italia) e 73 boutique a insegna Lancel (59 in Francia e 14 all’estero).

Dall’ottobre 2007 l'azienda è quotata alla Borsa Italiana.

Foto: Marco Palmieri, presidente Piquadro, dall'ufficio stampa