• Home
  • News
  • Business
  • Prada: il cda ha proposto un dividendo di 2 centesimi per azione

Business

Prada: il cda ha proposto un dividendo di 2 centesimi per azione

Scritto da Isabella Naef

19 mar 2020

Il consiglio di amministrazione di Prada spa ha esaminato e approvato il Bilancio consolidato relativo all’intero esercizio chiuso al 31 dicembre 2019.

L'azienda, attraverso una nota, ha evidenziato risultati in miglioramento, particolarmente nel secondo semestre. Nel dettaglio, i ricavi netti sono stati pari a 3.226 milioni di euro in crescita del 3 per cento a cambi correnti e flat a cambi costanti.

"L’ottimo trend di crescita registrato nel secondo semestre 2019 e a gennaio 2020 si è interrotto a causa della diffusione del coronavirus" spiega il management di Prada

“Il 2019 è stato un anno di grandi progressi. L’insieme degli investimenti e delle iniziative gestionali messe in atto negli ultimi anni ha ampliato l’interesse verso i nostri brand, testimoniato dal positivo trend delle vendite. Siamo certi che il nostro impegno per mantenere ai massimi livelli la qualità dei nostri prodotti e rafforzare la desiderabilità dei nostri marchi, sia la strada giusta da percorrere per una crescita profittevole e sostenibile nel lungo periodo", ha sottolineato Patrizio Bertelli, ceo del Gruppo Prada, cui fanno capo i marchi Prada, Miu Miu, Church’s e Car Shoe.

"Quello che sta succedendo oggi è un evento senza precedenti che ci richiede di agire con grande senso di responsabilità e i nostri pensieri e il nostro sostegno sono rivolti alle persone che stanno affrontando questo momento di grande difficoltà sebbene sia difficile prevedere l'evoluzione dell'epidemia, ci aspettiamo un impatto negativo sui risultati di quest'anno. Stiamo mettendo in atto un piano di azione articolato per mitigarne gli effetti, forti della flessibilità della nostra supply chain e dell’agilità della nostra organizzazione", Patrizio Bertelli, ceo del gruppo Prada.

"L’ottimo trend di crescita registrato nel secondo semestre 2019 e a gennaio 2020 si è interrotto a causa della diffusione del coronavirus. tutte le attività operative sono oggi condizionate dall’emergenza sanitaria che minaccia la salute delle persone e che rappresenta la nostra priorità", scrive, il management nella nota.

"Gli sforzi dell’azienda sono concentrati a superare questo momento di crisi. Al contempo, il Gruppo Prada si sta preparando per cogliere la ripresa e continuare il proprio percorso di sviluppo", ha aggiunto il management.

Tornando ai dati, le vendite retail sono risultate in crescita del 4 per cento a cambi correnti, +2 per cento a cambi costanti; le vendite a prezzo pieno, in crescita a doppia cifra nel secondo semestre, hanno più che compensato la forte riduzione delle vendite a saldo.

Le vendite wholesale sono risultate in calo del 3 per cento a cambi correnti, e in flessione del -4 per cento a cambi costanti.

L'ebit è stato pari a 307 milioni di euro, 9,5 per cento dei ricavi netti, mentre l'utile netto è ammontato a 256 milioni di euro, incluso il beneficio del Patent Box.

La posizione finanziaria netta è a -406 milioni di euro.

Per quanto riguarda le vendite nelle singole aree geografiche l'Europa ha segnato un +6 per cento a cambi correnti, mentre l'America ha registrato un +11 per cento a cambi correnti, favorita dai consumi domestici; l'Apac, ossia l'area Pasia Pacifico ha segnato una flessione del 2 per cento a cambi correnti, penalizzata dalle proteste di Hong Kong.

Il Giappone ha messo a segno un +9 per cento a cambi correnti con trend delle vendite regolari positivo durante il semestre nonostante l'aumento dell’Iva a ottobre.

Il Medio Oriente ha segnato un -1 per cento a cambi correnti, con vendite a prezzo pieno positive durante tutto l'anno.

Quanto al ready to wear è cresciuto del 12 per cento a cambi correnti, con un progresso a doppia cifra delle vendite a prezzo pieno in tutte le aree geografiche.

La pelletteria è cresciuta del 2 per cento a cambi correnti grazie a un buon trend delle vendite regolari, sia delle nuove collezioni, sia delle linee iconiche. Le calzature, +2 per cento a cambi correnti, "hanno beneficiato di una crescita a doppia cifra delle vendite a prezzo pieno nel secondo semestre, sostenute dalla domanda di sneaker e collezioni lifestyle", specifica la nota.

Il consiglio ha proposto all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo di 2 centesimi di euro per azione.

Foto: Prada, dall'ufficio stampa