• Home
  • News
  • Business
  • Ricavi in flessione del 29 per cento per EssilorLuxottica nell'H1

Business

Ricavi in flessione del 29 per cento per EssilorLuxottica nell'H1

Scritto da FashionUnited

3 ago 2020

EssilorLuxottica ha registrato una perdita di 412 milioni di euro nel primo trimestre dell'anno rispetto a un utile di 671 milioni registrati nel 2019. Ricavi in forte calo ad aprile con un marcato recupero a maggio e giugno in tutti i segmenti e in tutte le aree geografiche. Il 30 luglio, il consiglio di amministrazione, riunito a Charenton-le-Pont, Francia, ha approvato il bilancio consolidato semestrale abbreviato del semestre chiusosi il 30 giugno 2020. Le società di revisione hanno svolto la revisione limitata di tale bilancio. La loro relazione è in corso di emissione, ha spiegato il management in una nota.

“La nostra priorità negli ultimi mesi è stata quella di proteggere le nostre persone e le comunità nelle quali operiamo e di supportare i nostri partner e i nostri clienti durante la pandemia di Covid-19. Mantenendo il senso di responsabilità di azienda di riferimento del settore, abbiamo anche dimostrato la forza del nostro modello di business riuscendo a raggiungere un pareggio nel primo semestre con un utile operativo. Vogliamo ringraziare i nostri 150.000 dipendenti in tutto il mondo, il nostro management, il consiglio di amministrazione e tutti i nostri azionisti per il supporto e i sacrifici che hanno fatto in questo periodo", hanno detto Francesco Milleri, amministratore delegato e vice presidente di Luxottica, e Paul du Saillant, amministratore delegato di Essilor.

"Data la resilienza della domanda di prodotti e servizi per la cura della vista, siamo cautamente ottimisti per il resto dell'anno e seguiremo da vicino l'evoluzione del virus, pronti ad adattare le nostre strategie se necessario, allo stesso tempo, stiamo sviluppando l’integrazione, accelerando la digitalizzazione e lanciando importanti innovazioni di prodotto che sosterranno l’evoluzione dell’intero settore”, hanno aggiunto i due manager.

Alla fine di giugno, EssilorLuxottica ha riaperto tutte le fabbriche e i laboratori e circa il 90 per cento dei suoi negozi. Anche i clienti ottici hanno riaperto in quasi tutti i paesi, a eccezione di alcune zone dell'America Latina.

La Cina e la Corea del Sud, che sono entrate per prime nell’emergenza Covid-19, hanno registrato un’accelerazione più graduale seguita da una stabilizzazione dei tassi di crescita su base annua.

Numeri alla mano, l'azienda ha registrato ricavi per 6.230 milioni di euro, in calo del 29 per cento sia a cambi correnti sia a cambi costanti, rispetto ai ricavi del primo semestre 2019. Queste riduzioni sono state il risultato diretto delle misure di lockdown messe in atto in tutti i mercati per fronteggiare l’epidemia di Covid-19. "Nonostante questo, si registra un recupero costante mese dopo mese a seguito delle riaperture dei negozi nella maggior parte dei mercati", ha proseguito il management nella nota.

Foto: A sinistra Hubert Sagnières, vice-presidente directeur generale delegato di EssilorLuxottica e Leonardo Del Vecchio, presidente esecutivo