(annuncio pubblicitario)
(annuncio pubblicitario)
Richard Ginori: ok all’intesa; salvi 200 posti

E' stato raggiunto l'accordo per dare continuità allo stabilimento Richard Ginori di Sesto Fiorentino. Lunedì, si legge in una nota diffusa dal Mise, alla presenza del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, della Regione Toscana e del Comune di Sesto Fiorentino, così come di tutte le parti direttamente interessate, è stato definito il percorso che consentirà all’azienda non solo di acquisire l’immobile ma soprattutto di pianificare gli investimenti necessari al futuro della ceramica artistica italiana. L’incontro, sottolinea la nota, si è tenuto nella sede del Dicastero di via Veneto.

Si tratta di un notevole passo avanti rispetto ai mesi scorsi, visto che a settembre nessun accordo era stato ancora trovato in merito all’acquisizione del sito industriale di Sesto Fiorentino dove si svolge l’attività produttiva della manifattura.

“Con questo accordo si è salvaguardato un importante marchio del Made in Italy e salvati contemporaneamente oltre 200 posti di lavoro, competenze professionali e artistiche di altissimo livello” ha detto, nella nota, il ministro Calenda.

Richard Ginori fa capo a Kering dal 2013.

Foto: Richard Ginori press office