• Home
  • News
  • Business
  • Saldi: abbigliamento e calzature gli articoli più gettonati

Saldi: abbigliamento e calzature gli articoli più gettonati

Scritto da Isabella Naef

5 gen 2022

Business

Pexels, Andrea Piacquadio

Secondo un’indagine di Confcommercio il budget complessivo per i saldi, al via oggi in quasi tutta Italia, arriva fino a 275 euro a famiglia; mentre abbigliamento e calzature sono gli articoli più ricercati, in crescita articoli sportivi (+7,7 per cento) e gli accessori (+5,8 per cento). I saldi invernali sono partiti e sei italiani su dieci (circa quindici milioni di famiglie) si dedicheranno agli acquisti destinando un budget di spesa complessivo fino a 275 euro, contro i 254 dell’anno scorso, stando ai dati dell’Ufficio Studi Confcommercio. Numeri alla mano, secondo Confcommercio oltre l’80 per cento dei consumatori vede nei saldi un modo per rinnovare il guardaroba facendo magari qualche affare. Il 60 per cento circa delle imprese del commercio al dettaglio ritiene che il numero dei clienti che entreranno in negozio per i saldi non sarà molto diverso da quello dello scorso anno. Abbigliamento (93,4 per cento) e calzature (84,1 per cento), mentre a registrare i maggiori incrementi rispetto all’anno scorso sono articoli sportivi e accessori, rispettivamente +7,7 per cento e +5,8 per cento. Tra i canali di acquisto, sottolinea Confcommercio, i negozi di fiducia si confermano al primo posto per la metà degli italiani, mentre l’online viene scelto dal 40 per cento e prevalentemente per l’acquisto di articoli di moda.

L’incertezza dell’attuale fase economica però incide: chi non acquisterà in saldo (quasi il 40 per cento) oltre la metà lo farà per risparmiare, mentre tra coloro che faranno acquisti aumenta la quota di chi spenderà come l’anno scorso (+4,1 per cento).

Crescono le vendite online

Quasi 1 impresa su 3 prevede minori visite al proprio negozio rispetto all’anno scorso con un calo delle vendite, anche in questo caso prevalentemente per esigenze di risparmio dei consumatori, ma anche per paura dei contagi. E proprio per affrontare l’emergenza Covid, il 42,7 per cento delle imprese ha fatto ricorso all’ecommerce.

La metà di coloro che faranno acquisti ai prossimi saldi invernali si recherà presso i negozi di fiducia (50,1 per cento). Segue il canale online che, con il 39,9 per cento delle preferenze, si conferma in continua crescita (+4,9). Quattro intervistati su dieci utilizzeranno i social network per ricercare informazioni circa gli articoli che intendono acquistare a saldo (38,4 per cento). Instagram rappresenta il social network più utilizzato (70,3 per cento).

La quasi totalità di coloro che hanno acquistato a saldo in passato giudica positivamente la qualità (94,8 per cento) e la varietà (84,6 per cento) dei prodotti posti in vendita a saldo. Dovendo scegliere tra qualità e prezzo, il 58,4 per cento dei rispondenti indica come aspetto più rilevante negli acquisti a saldo la qualità dei prodotti. Il 41,6 per cento il prezzo.

Saldi al via oggi, 5 gennaio, in quasi tutte le regioni italiane. Fanno eccezione la Basilicata che ha cominciato il 2 gennaio, la Valle d’Aosta dove gli sconti sono partiti il 3 gennaio e il Trentino dove non è prevista una data di avvio dei saldi che possono essere svolti liberamente dagli operatori commerciali. Nella provincia autonoma di Bolzano, invece, i saldi inizieranno nella maggior parte dei comuni dell’Alto Adige sabato 8 gennaio e termineranno sabato 5 febbraio 2022, mentre nei comuni turistici del territorio i saldi invernali inizieranno sabato 5 marzo e termineranno sabato 2 aprile 2022.