• Home
  • News
  • Business
  • Smcp: vendite in flessione del 31 per cento a causa del coronavirus

Business

Smcp: vendite in flessione del 31 per cento a causa del coronavirus

Scritto da Isabella Naef

4 set 2020

I dati economici del primo semestre di Smcp, gruppo quotato sul mercato parigino Euronext, sono stati fortemente influenzati dalla pandemia da Covid-19 e dalle chiusure obbligate dei negozi.

Numeri alla mano, come spiega il management dell'azienda in un comunicato diffuso questa mattina, le vendite sono risultate in calo del 31 per cento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, a quota 372,8 milioni di euro.

Le vendite in Cina hanno continuato a migliorare gradualmente per tutto il secondo trimestre del 2020, tornando a crescere a giugno

Le collezioni dei tre marchi Sandro, Maje, Claudie Pierlot & De Fursac sono distribuite in 41 Paesi.

Le vendite in Cina hanno continuato a migliorare gradualmente per tutto il secondo trimestre del 2020, tornando a crescere nel mese di giugno.

L'utile netto del periodo è passato da 17,2 milioni di euro nel primo semestre 2019 a -88,5 milioni di euro nel primo semestre 2020. Commentando i dati dei primi sei mesi, Daniel Lalonde, amministratore delegato di Smcp, ha sottolineato: "i nostri risultati sono stati fortemente colpiti dalla pandemia di Covid-19. Ciononostante, abbiamo implementato forti misure per mitigare gli impatti della crisi, riducendo i costi operativi e gli investimenti, garantendo la liquidità e adeguando gli incassi. Il gruppo è ben equipaggiato per affrontare questo periodo difficile in quanto i suoi fondamentali rimangono solidi: beneficiamo di un portafoglio geograficamente equilibrato di marchi internazionali, una forte posizione nell'ecommerce e un'agile organizzazione".

Nel secondo semestre, ha aggiunto il ceo, "perseguiremo ulteriormente il nostro piano d'azione Covid-19, continuando a realizzare le nostre priorità chiave: migliorare l'appetibilità dei marchi, creare un canale unificato tra ecommerce e negozi fisici per costruire un'esperienza senza soluzione di continuità e innovativa per i clienti, e accelerare la moda sostenibile".

Nel 2016 i marchi francesi del lusso accessibile Sandro, Maje e Claudie Pierlot (Gruppo Smcp) sono passati nelle mani del gruppo tessile cinese Shandong Ruyi Technology group.

Nell'aprile del 2019 il Gruppo ha nominato Isabelle Allouch, già direttore generale di Claudie Pierlot, in qualità di ceo di Sandro.

Al posto della Allouch alla guida del marchio è arrivato Jean-Baptiste Dacquin. Dacquin è stato per 7 anni direttore delle risorse umane di Smcp..

Foto: Maje Facebook