• Home
  • News
  • Moda
  • Come i consumatori faranno acquisti dopo la vita in isolamento

Moda

Come i consumatori faranno acquisti dopo la vita in isolamento

Scritto da Trendstop

1 lug 2020

Mentre sempre più persone emergono da mesi di isolamento, alcuni trendsetter del commercio al dettaglio annunciano un rapido ritorno al business come prima della pandemia. Tralasciando il distanziamento sociale, le postazioni di igienizzazione delle mani e le frecce che "trascinano le persone" nei corridoi della spesa, la vendita al dettaglio pare ripartire.

Molti, tuttavia, si troveranno delusi dal fatto che il consumatore post-covid torni a spendere, con un accresciuto senso di cautela.

Mentre, recentemente, con la riapertura dei negozi, la copertura delle notizie ha mostrato code interminabili fuori dalle strade principali, Zara, Primark e Jd Sports, le cifre sono ancora in calo di un terzo anno fino a oggi.

Una prospettiva locale

Con le restrizioni di viaggio i consumatori sono stati costretti a fare acquisti a livello locale. E mentre il presupposto potrebbe essere che una volta che il viaggio è considerato sicuro, e i treni e gli autobus funzionano a pieno regime, i consumatori saranno tentati di andare più lontano, sembra vero il contrario.

Una recente indagine di Deloitte ha mostrato che il 57 per cento dei consumatori è ora più propenso ad acquistare da marchi che producono localmente, rispetto a prima della pandemia.

Questo si lega a una mentalità del consumatore legata alla sostenibilità. Il coronavirus ci ha reso tutti più consapevoli dell'impatto ecologico della produzione, dei viaggi e, in ultima analisi, delle abitudini di consumo. Come suggeriscono le cifre, questo si manifesterà come un rinnovato interesse per la produzione locale e la vendita al dettaglio locale.

Anteporre le persone al profitto

L'analisi sui marchi e sui rivenditori messa in atto durante la pandemia è finita. Il 28 per cento dei consumatori della Gen Z - afferma di aver smesso di acquistare dai marchi a causa della loro scarsa risposta all'epidemia di coronavirus. I marchi che hanno anteposto il profitto alle persone e hanno mostrato un disinteresse per la salute dei loro dipendenti soffrono per questa svista.

Mentre i marchi che hanno risposto positivamente, aiutando il loro staff e le comunità, e dimostrando un'azione di impatto, ne escono meglio. Il 62 per cento dei consumatori intervistati afferma di avere maggiori probabilità di spendere i propri soldi con i marchi che percepisce di aver agito in modo responsabile.

Un'acuta sensibilità verso i valori del marchio caratterizzerà i futuri consumatori, e quelle marche con una comunicazione vaga, ambigua o parziale non saranno all'altezza.

Prima il digitale

In maggio, le vendite online hanno rappresentato il 33,4 per cento di tutte le vendite al dettaglio in Gran Bretagna, con una crescita mensile del 19,7 per cento. E, dato che molti marchi hanno acquisito un nuovo pubblico di soli clienti digitali durante il blocco, un approccio efficace al digitale viene considerato come un sistema di resilienza futura.

Molti amministratori delegati hanno dichiarato pubblicamente che direct-to-consumer è stata la loro salvezza, o il loro più grande rimpianto nei casi in cui c'è stata una mancanza di investimenti.

Nel settore della moda, i leader progressisti stanno elaborando modi più efficaci per connettersi ancor più direttamente con i nativi digitali. Il fondatore di Inditex, Amancio Ortega, ha annunciato un piano da 1 miliardo di euro per la sua offerta online entro il 2022, facendo chiudere contemporaneamente 1.200 negozi in tutto il mondo.

Quei leader aziendali che non si orientano diversamente rispetto alla sola esperienza fisica della vendita al dettaglio nei negozi saranno soppiantati da coloro che innovano con successo per tradurre e portare l'esperienza in-store nel regno digitale.

Offerta Esclusiva

I lettori di FashionUnited possono accedere gratuitamente al Trendstop’s SS20 Capsule Theme, Eco Industrial, come approfondimento della mentalità e dell'approccio del cliente. Basta cliccare sul banner per ricevere il report gratuito.

Trendstop.com è una delle agenzie leader mondiale per la previsione delle tendenze per i professionisti della moda e per i creativi, conosciuta per le sue approfondite analisi e per le previsioni di tendenza. Tra i clienti figurano H&M, Primark, Forever 21, Zalando, Geox, Evisu, Hugo Boss, L'Oreal ed Mtv.

Autore: Trendstop