• Home
  • News
  • Moda
  • In foto: Adidas lancia una collezione ispirata al giardinaggio

Moda

In foto: Adidas lancia una collezione ispirata al giardinaggio

Scritto da Huw Hughes

23 ott 2019

Adidas Consortium, la sezione del colosso sportivo tedesco nota per le sue collezioni sperimentali e collaborazioni con le stelle, ha ha lanciato una collezione ispirata al giardinaggio. No, non è un errore e la collezione esiste davvero!

L'insolita collezione Adidas Gardening Club include abbigliamento, accessori e calzature e presenta in modo appropriato toni color terra, offrendo una "nuova interpretazione delle tendenze moderne dei capi da escursione, che creano una 'horti-couture' che può passare senza sforzo dai prati alle strade.” Abbondanza di tasche, materiali altamente traspiranti e pantaloni con cerniera (sì, siamo seri) promettono di soddisfare anche i più appassionati di giardinaggio.

Chi è il volto della nuova collezione? Alan Titchmarsh, ovviamente. Il giardiniere britannico e presentatore televisivo è l'ultimo modello Adidas per questa collezione "horti-couture", che appare accanto al presentatore Alhan Gencay e alla cantautrice Khloe Anna.

Il product manager di Adidas Consortium, George Griffin, ha dichiarato a Highsnobiety: "Abbiamo immaginato lo "stare all'aperto" come un concetto che volevamo esplorare per la stagione, ma volevamo farlo a modo nostro, in maniera giocosa, con una visione unica. Con sia l'abbigliamento da escursione che di trail running diventati una parte così "seria" del settore e i nostri colleghi del team Terrex che stanno facendo un ottimo lavoro a livello di innovazione e prestazioni, abbiamo voluto giustapporre completamente il concetto di trail running, che ha un carattere tradizionalmente aggressivo a livello estetico, con qualcosa che di solito è visto come passatempo o svago ma che mantiene un aspetto tipico delle attività all'aperto. E così ci siamo ritrovati con una capsule collection ispirata al giardinaggio."

Credito fotografico: Adidas Consortium

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su FashionUnited.uk e poi tradotto per FashionUnited.it