Macy's e Bloomingdale's mettono al bando le pellicce

Si allunga la lista di marchi e retailer che hanno bandito o bandiranno totalmente la vendita di pellicce. Ieri è stata l'americana Macy’s, Inc, quotata al Nyse, ad annunciare che smetterà di vendere pellicce entro la fine dell'anno fiscale 2020. La decisione include anche tutti i marchi di Macy’s e Bloomingdale’s così come i capi in pelliccia dei brand partner. Inoltre, le pellicce non saranno più vendute negli outlet dell'azienda, inclusi Macy’s Backstage e Bloomingdale’s The Outlet. Fa parte della strategia la chiusura di The Fur Vaults, che vende capi di pelliccia di lusso e di tendenza come gilet di pelliccia, cappotti di pelliccia e stole.

Macy's e Bloomingdale's mettono al bando le pellicce

Macy's e Bloomingdale's non venderanno più pellicce a partire dalla fine del 2020

"Negli ultimi due anni abbiamo seguito da vicino le tendenze dei consumatori e del marchio, ascoltando i nostri clienti e ricercando alternative alla pelliccia", ha detto, in un comunicato, Jeff Gennette, presidente e amministratore delegato di Macy's, Inc. "Abbiamo ascoltato i nostri colleghi, compreso il feedback diretto dal nostro Go Green employee resource Group, e ci siamo incontrati regolarmente su questo argomento con la Humane society of the United States e altre Ong. Rimaniamo impegnati a fornire grande moda e valore ai nostri clienti, e continueremo a proporre alternative di alta qualità e alla moda in pelliccia sintetica", ha aggiunto Gennette.

Come sottolineato dal ceo, inoltre, l'azienda è "orgogliosa di collaborare con la Humane society of the United States nel suo impegno a porre fine alla vendita di pellicce".

Macy's è l'ultimo dei tanti retailer e marchi che si uniscono alla tendenza che vede la moda bandire le pellicce-

Kitty Block, presidente e amministratore delegato della Humane society of the United States ha osservato che l'annuncio di Macy "è coerente con le opinioni di innumerevoli consumatori sul mercato, e altri rivenditori dovrebbero seguirne l'esempio. Con così tanti designer, grandi città e ora uno stato che prende posizione contro la vendita di pellicce, siamo molto più vicini a porre fine a questa pratica inutile e disumana".

La California è diventato il primo stato degli Stati Uniti a vietare la vendita di pellicce, dopo che molte delle sue città hanno scritto una legislazione per vietare il commercio di pellicce.

Numerosi i marchi di lusso che si sono impegnati in una strategia "senza pellicce", dimostrando un crescente interesse per la moda etica e per il consumatore. La lista di aziende fur free comprende Prada, Burberry, Versace, Gucci, Chanel, Coach, Donna Karan, Michael Kors/Jimmy Choo, Diane von Furstenberg, Columbia Sportswear, Farfetch, Yoox Net-a-Porter, Furla.

Foto: Macy's press centre

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO