• Home
  • News
  • Business
  • Brunello Cucinelli destina l'utile 2019 di 57,2 milioni a riserva

Business

Brunello Cucinelli destina l'utile 2019 di 57,2 milioni a riserva

Scritto da Isabella Naef

22 mag 2020

Brunello Cucinelli ha chiuso il 2019 con un utile pari a 57,2 milioni. Ieri l'assemblea degli azionisti ha approvato il bilancio, ha rinnovato gli organi sociali e ha deliberato la destinazione dell’utile a riserva.

Brunello Cucinelli è stato confermato presidente esecutivo e direttore creativo; Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli sono stati nominati nuovi amministratori delegati e ceo.

Brunello Cucinelli è stato confermato presidente esecutivo e direttore creativo

“È con grande emozione e speranza che guardo al futuro dell’umanità e della nostra industria. Immagino che questi due giovani quarantenni, uomini di grande valore professionale e innamorati dei grandi concetti universali di verità, bellezza e umanità, possano condurre l’impresa per lungo tempo come esempio di custodia per le future generazioni", ha commentato Brunello Cucinelli, presidente esecutivo della società.

Nel corso della seduta di ieri è stato presentato il bilancio consolidato di Brunello Cucinelli spa al 31 dicembre 2019 che ha chiuso con ricavi netti pari a 607,8 milioni di euro, in crescita del 9,9 per cento rispetto ai 553,0 milioni di euro del 2018, e un utile netto normalizzato pari a 49,3 milioni di euro, in crescita del 7,1 per cento rispetto ai 46,0 milioni di euro dell’esercizio 2018.

L’assemblea, inoltre, ha determinato in 12 il numero dei componenti il consiglio di amministrazione; ha determinato la durata dell’incarico del consiglio di amministrazione per il triennio 2020-2022 e, dunque, fino all’assemblea che sarà chiamata ad approvare il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2022.

Come si legge in una nota, sulla base delle due liste presentate sono stati nominati amministratori: Brunello Cucinelli (presidente del consiglio di amministrazione), Riccardo Stefanelli, Luca Lisandroni, Camilla Cucinelli, Carolina Cucinelli, Giovanna Manfredi, Stefano Domenicali (indipendente), Annachiara Svelto (indipendente), Andrea Pontremoli (indipendente), Ramin Arani (indipendente), Maria Cecilia La Manna (indipendente) tratti dalla lista n. 1 presentata dall’azionista di maggioranza Fedone S.r.l., ed Emanuela Bonadiman (indipendente) tratta dalla lista n. 2, presentata da un gruppo di società di gestione del risparmio e investitori istituzionali.

Il cavaliere del lavoro Brunello Cucinelli è stato nominato presidente del consiglio di amministrazione.

Nella riunione di ieri, inoltre, il neo-eletto consiglio di amministrazione ha conferito a Brunello Cucinelli deleghe in materia di stile, creatività e comunicazione confermandolo nel ruolo di direttore creativo, e ha nominato come nuovi amministratori delegati e ceo Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli, conferendo a Luca Lisandroni deleghe per l’area mercati e a Riccardo Stefanelli deleghe per l’area prodotto e operations.

Brunello Cucinelli spa è un’azienda di moda italiana, fondata nel 1978 dall’omonimo stilista e imprenditore e quotata al Mercato telematico di Borsa Italiana.

Foto: Brunello Cucinelli website