• Home
  • News
  • Business
  • Diego Della Valle (Gruppo Tod's): guardiamo con positività all’anno in corso

Diego Della Valle (Gruppo Tod's): guardiamo con positività all’anno in corso

Scritto da Isabella Naef

11 mar 2021

Business

“I risultati del 2020 sono stati profondamente influenzati dalla pandemia, che ha particolarmente colpito il settore dei beni di lusso, causando lunghi periodi di chiusura dei negozi in diverse aree del mondo e la quasi totale scomparsa degli acquisti legati ai flussi turistici. In questo contesto, la priorità del nostro Gruppo è stata proteggere la salute dei dipendenti e dei clienti e, successivamente, affrontare il calo delle vendite con un attento controllo dei costi, sempre tenendo nella massima considerazione tutte le attività necessarie per mantenere la grande qualità, l’artigianalità e la creatività dei nostri prodotti. Abbiamo adottato grande cautela nella raccolta degli ordini e nelle quantità di prodotto consegnata ai negozi, in particolare nel canale wholesale, che ha subito lunghissimi periodi di chiusura delle attività", questo il commento di Diego Della Valle, presidente e amministratore delegato del Gruppo Tod's ai dati del 2020 appena approvati dal consiglio di amministrazione.

L'ecommerce cresce a doppia cifra

"In questo scenario abbiamo aumentato i nostri investimenti nel marketing, in tutte le sue forme, prevalentemente quella digitale, come determinante strumento di comunicazione per dialogare con le nuove generazioni di consumatori, cosa che noi consideriamo prioritaria per una sostenuta crescita futura dei nostri fatturati. Siamo molto contenti dei risultati ottenuti con il canale ecommerce, che ha registrato una progressiva accelerazione durante l’anno, raggiungendo e superando le nostre attese e che sta ancora continuando a crescere a ritmi molto elevati"; ha aggiunto Della Valle, aggiungendo che l'azienda guarda con positività all’anno in corso, "forti anche degli eccellenti commenti ricevuti dalle nuove collezioni, anche se non dobbiamo dimenticare il persistente contesto di grande incertezza, causato dall’incognita Covid-19, ancora molto presente in tante parti del mondo".

"Pur nella consapevolezza della solidità finanziaria del Gruppo, abbiamo deciso di proporre all’assemblea di non distribuire dividendi", ha sottolineato Della Valle.

Numeri alla mano nell’esercizio 2020, il fatturato consolidato del Gruppo Tod’s ammonta a 637,1 milioni di euro (-30,4 per cento rispetto al 2019). Nel solo quarto trimestre dell’anno i ricavi ammontano a 184,5 milioni di euro, con un calo del 22,6 per cento rispetto al quarto trimestre 2019. L'azienda opera con i marchi Tod’s, Hogan, Roger Vivier e Fay.

Nel corrente esercizio l’impatto delle valute è visibile soprattutto sui marchi Tod’s e Roger Vivier

Nel corrente esercizio l’impatto delle valute è stato leggermente negativo, ed è visibile soprattutto sui marchi Tod’s e Roger Vivier, che hanno la maggiore presenza all’estero; a cambi costanti, utilizzando cioè gli stessi cambi medi dell’anno 2019, comprensivi degli effetti delle coperture, i ricavi del Gruppo sono pari a 640 milioni di Euro (-30,1 per cento), ha specificato il management.

Continua la forte crescita a doppia cifra del canale ecommerce, con una ulteriore accelerazione nel quarto trimestre dell’anno, generando risultati particolarmente positivi. Negativo, invece, il risultato del canale wholesale, anche a conferma della strategia di grande cautela che il Gruppo ha adottato verso questo canale, che sta vivendo uno strutturale ridimensionamento, soprattutto in Europa e Usa.

Nell’esercizio 2020, il valore dell’Ebitda adjusted ammonta a 69,5 milioni di euro, pari al 10,9 per cento dei ricavi e si confronta con un valore di 157,9 milioni dell’esercizio 2019.

Il Consiglio di Amministrazione ha anche approvato il progetto di bilancio 2020 della capogruppo Tod’s SpA, che ha registrato ricavi di vendita per 384 milioni di euro, rispetto ai 606,8 milioni di euro dell’esercizio 2019. Il risultato netto è stato negativo per 116,8 milioni di euro; l’utile base è pari a un valore negativo di 3,53 euro per azione.

Foto: Roger Vivier website