Ferragamo: utile a +14 percento nel FY 2016

L'assemblea degli azionisti di Salvatore Ferragamo ha approvato il bilancio 2016, che presenta ricavi per 1.438 milioni di euro (+1 percento rispetto al 2015), e un utile netto di 198 milioni (+14 percento). Il dividendo di 0,46 euro per azione ordinaria (in linea con l'esercizio 2015), secondo quanto previsto dal consiglio di amministrazione all'approvazione del progetto di bilancio, sarà messo in pagamento il 24 maggio, con stacco cedola il 22 maggio e record date il 23 maggio.

"Siamo soddisfatti di quello che sta avvenendo nel primo trimestre 2017," ha sottolineato Eraldo Poletto, amministratore delegato di Salvatore Ferragamo. Secondo Poletto "la nostra top priority" è la conquista del primato mondiale nel comparto calzature e pelletteria. Il tutto, ha aggiunto il manager "senza dimenticare che noi stiamo puntando sul total look".

Il dividendo di 0,46 euro per azione ordinaria sarà messo in pagamento il 24 maggio

L’assemblea ha confermato in tredici il numero dei componenti del consiglio di amministrazione, così come determinato dall’assemblea ordinaria della società il 24 aprile 2015 e ha nominato come consigliere della società Eraldo Poletto, già cooptato dal consiglio di amministrazione il 2 agosto 2016 in sostituzione di Michele Norsa.

Il mandato di Poletto scadrà con l’approvazione del bilancio dell’esercizio 2017 insieme con gli amministratori in carica.

Inoltre, è stata rinnovata l’autorizzazione al consiglio di amministrazione all’acquisto, anche in più tranche, di azioni ordinarie Salvatore Ferragamo del valore nominale di 0,10 euro ciascuna, fino a un numero massimo che, tenuto conto delle azioni ordinarie Salvatore Ferragamo di volta in volta detenute in portafoglio dalla Società e dalle società da essa controllate, non sia complessivamente superiore all’1 percento (pari a n. 1.687.900 azioni ordinarie) del capitale sociale della società, ai sensi dell’articolo 2357, comma 3, del Codice civile e dell’articolo 132 del Tuf, previa revoca della deliberazione assunta dall’Assemblea del 21 aprile 2016 in scadenza il 21 ottobre.

L’autorizzazione è stata concessa al fine, tra l’altro, di acquisire azioni proprie da destinare, se del caso, a servizio del Piano di stock grant 2016 – 2020 approvato dall’assemblea del 21 aprile 2016, nonché di altri eventuali piani di incentivazione azionaria, anche a lungo termine, che potranno in futuro essere approvati dall’assemblea della società e, se del caso, a servizio di eventuali operazioni di carattere straordinario sul capitale o operazioni di finanziamento che implichino l’assegnazione o disposizione di azioni proprie, si legge in una nota. Inoltre l’autorizzazione deliberata potrà consentire di intervenire, nel rispetto delle disposizioni vigenti e tramite intermediari, per stabilizzare il titolo e per regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e dei corsi, a fronte di fenomeni distorsivi legati a un eccesso di volatilità o una scarsa liquidità degli scambi.

Foto: Salvatore Ferragamo website

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO