• Home
  • News
  • Business
  • Lusso: giro affari a +13 percento nel 2015

Lusso: giro affari a +13 percento nel 2015

Scritto da FashionUnited

25 mag 2016

Business

Le previsioni 2016 sono meno positive rispetto a sei mesi fa per quanto riguarda i consumi mondiali di beni personali di lusso, ma non si registra un calo.

Risultano in crescita il Giappone e l'Europa, sono stabili l'Asia e l'America, mentre le categorie più performanti si confermano gli accessori in pelle e il beauty.

Secondo il monitor Altagamma il mercato globale dei beni personali di alta gamma nel 2015 si è attestato a 253 miliardi

Questi gli aggiornamenti, diffusi ieri, degli studi monitor Altagamma sui mercati mondiali, realizzato da Bain & Company in collaborazione con Altagamma, e Altagamma Consensus 2016, elaborato dal 2009 da Altagamma in collaborazione con alcun analisti internazionali specializzati.

Secondo il monitor, il mercato globale dei beni personali di alta gamma nel 2015 si è attestato su un valore di 253 miliardi, in crescita del +13 percento a tassi correnti (del +1 percento a tassi costanti). L’ultimo trimestre è stato particolarmente difficile, sia negli Stati Uniti, dove il consumatore locale ha rallentato gli acquisti, sia in Europa, dove gli attacchi terroristici di Parigi hanno frenato gli acquisti natalizi nella città francese sia di locali, sia di turisti.

Come sottolinea una nota di Altagamma nel primo trimestre del 2016 il mercato ha mantenuto il trend del 2015 (+1 percento sia a tassi correnti, sia costanti), mostrando un rallentamento globale dei flussi turistici intercontinentali dovuti a un parziale ribilanciamento dei differenziali di prezzo e agli attacchi terroristici in Europa.

Per quanto concerne i principali trend, lo studio mette in luce che la Mainland China, dopo 3 anni di declino, dovrebbe crescere in ragione dell' iniziale "rimpatrio" della spesa in beni di lusso dei consumatori cinesi.

“Il mercato dei beni personali di lusso attraversa una fase di consolidamento”, ha detto Claudia D’Arpizio, partner di Bain & Company e autrice del monitor. “Tutti gli occhi sono puntati di nuovo sulla Cina, chiave nel guidare un trend di rilancio mondiale e sulla ripresa degli Stati Uniti dove attualmente il consumo locale non riesce a controbilanciare l’assenza dei turisti".

L’Europa è in crescita positiva, i flussi turistici in calo ma i consumi locali in ripresa.

La performance delle Americhe è impattata dal dollaro forte e dall’incerta consumer confidence tipica dell’election year. Inoltre, il Giappone, sebbene in rallentamento rispetto al 2015, rimane il mercato principe per crescita, grazie ai flussi turistici cinesi.

Per quanto riguarda le categorie più importanti per lo sviluppo del mercato, come messo in evidenza qualche mese fa : sono i millennials la terra promessa del lusso.

Si tratta di un target che ha un'età compresa tra i 18 e i 34 anni, un profilo internazionale e, inoltre, ha la caratteristica di essere nato e cresciuto in un mondo digitale.

Foto: Armando Branchini, vice presidente di Fondazione Altagamma