• Home
  • News
  • Business
  • Lvmh: fatturato in calo del 21 per cento nei nove mesi

Business

Lvmh: fatturato in calo del 21 per cento nei nove mesi

Scritto da FashionUnited

16 ott 2020

Fatturato in calo del 21 per cento per il colosso del lusso francese Lvmh. L'azienda parigina ha comunicato ieri i dati relativi al terzo trimestre.

Numeri alla mano, la società guidata da Bernard Arnault, nel dettaglio, ha archiviato i primi nove mesi del 2020 con un fatturato in calo del 21 per cento a 30,3 miliardi di euro. In ripresa il terzo trimestre dove la flessione è del -7 per cento rispetto alla prima metà dell’anno.

"In un contesto molto turbolento, caratterizzato da continue incertezze economiche e sanitarie, Lvmh continuerà a esercitare cautela, a rafforzare il controllo dei costi e la selettività dei propri investimenti", si legge in una nota.

La divisione Moda e pelletteria ha visto il suo fatturato organico diminuire dell'11 per cento nei primi nove mesi del 2020

La distribuzione del dividendo sarà discussa dal consiglio di amministrazione in agenda entro la fine del mese.

Per quanto riguarda i singoli comparti, la divisione Moda e pelletteria ha visto il suo fatturato organico diminuire dell'11 per cento nei primi nove mesi del 2020 in un contesto caratterizzato dalla chiusura dei negozi per diversi mesi. "Il terzo trimestre ha visto un forte rimbalzo dell'attività, con una crescita a due cifre dei ricavi organici. Louis Vuitton ha continuato a mostrare uno slancio e una creatività eccezionali, in tutti i settori, dai prodotti agli spettacoli e agli eventi per i clienti. Durante la settimana della moda, le nuove collezioni sono state presentate in un formato originale nel leggendario edificio ristrutturato de La Samaritaine a Parigi, così come a Shanghai e Tokyo", ha specificato il management in una nota.

Louis Vuitton ha rafforzato la produzione con l'apertura di un nuovo laboratorio in Francia e continua il suo impegno per l'alta qualità artigianale e la sostenibilità con creatività responsabile. "Christian Dior ha mostrato un notevole slancio. I numerosi nuovi prodotti, come la borsa Dior Bobby e la giacca Bar in maglia, sono stati accolti molto bene", ha aggiunto il management specificando che anche gli altri marchi di moda hanno visto un buon miglioramento della loro attività nel terzo trimestre, in particolare Fendi, Loewe e Celine.

La divisione Profumi e cosmetici ha registrato un calo del 25 per cento del fatturato organico nei primi nove mesi del 2020. Il comparto Orologi e gioielli ha visto il suo fatturato organico diminuire del 30 per cento nei primi nove mesi del 2020.

Per quanto riguarda i prossimi mesi, l'azienda fa sapere che in un contesto molto turbolento, caratterizzato da continue incertezze economiche e sanitarie, Lvmh continuerà a esercitare cautela, a rafforzare il controllo dei costi e la selettività dei propri investimenti. "Il Gruppo manterrà una strategia focalizzata sulla conservazione del valore dei propri marchi, continuando i propri investimenti di marketing e comunicazione e facendo affidamento sull'eccezionale qualità dei propri prodotti e sulla reattività della propria organizzazione", si legge nella nota.

Foto: Lvmh website